Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconFor Her
line break icon

La gioia di Suor Agnese che a 95 anni ha festeggiato l’Assunta sull’altalena [VIDEO]

SUOR, AGNESE, ALTALENA

Avvenire | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 20/08/19

Una felicità semplice che conferma la vocazione profonda: cos'è l'altalena se non l'immagine di chi stacca i piedi da terra, si libera della propria smania di controllo, e si lascia cullare da una mano che viene dall'alto?

Sono solo 26 secondi, un breve assaggio di cosa sia la felicità: un giardino, il sole alle spalle, voci allegre e un’altalena in movimento. Il quadro richiama un contesto infantile di giochi e spensieratezza, e forse in fondo è così anche se le protagoniste di questo video sono suore adulte e una di loro, addirittura, 95enne. È lei, Suor Agnese, quella che beatamente si dondola sull’altalena mentre attorno le consorelle giocano a bocce. È accaduto a San Severino Marche nel convento delle Convittrici di Gesù Bambino durante la Festa dell’Assunta, lo scorso 15 agosto.

[youtube

Avvenire ha condiviso questi 26 secondi che paiono proprio la traduzione di quel passo evangelico che, a volte, con tanta leggerezza si cita:

In verità vi dico: se non vi convertite e non diventate come piccoli fanciulli, voi non entrerete affatto nel regno dei cieli. (Mt 18,3)

Sembra un invito alla spontaneità e alla semplicità entusiasta, invece è il richiamo a una rivoluzione ardua e coraggiosa; si trascura spesso che il diventare piccoli si regge sul fondamento di ciò che lo precede nella frase: la necessità di convertirsi.


SISTER ANNE MARIE, HANNAH LOEMAN

Leggi anche:
Dalla vocazione al silenzio e alla preghiera fiorisce il sorriso di Anne Marie

Sull’altalena

Quando vado al parco giochi, l’altalena è sempre uno dei divertimenti più contesi dai bimbi. Mia figlia è disposta a stare ferma per un tempo interminabile in attesa di salirci. Che c’è di così bello? Beh, è un modo semplice per staccarsi da terra e avere l’impressione di volare. Ricorda, poi, l’essere cullati. Tutto il bello dell’altalena sta nel fatto che l’equilibrio non dipende da noi, ma da qualcosa più alto della nostra testa. C’è modo migliore per descrivere cosa sia un’autentica conversione? Non so molto della vocazione di Suor Agnese, ma questi pochi secondi, che la inquadrano pacata e lieta mentre si dondola, mi spalancano un’ipotesi di vita vissuta: la fiducia di una donna che ha detto sì, affidandosi a un equilibrio che non è terreno, che è un anticipo di cielo. Chi è il cristiano vero se non un uomo che vive sulla terra, ma non è della terra?

La nostra conversione, quell’esercizio che non si deve mai smettere di fare, è il salto arduo di chi stacca i piedi dal suolo, smette di essere il comandante supremo del proprio esistere e si affida alla mano di un Padre che lo dondola, spingendolo oltre ogni equilibrio rassicurante. Di solito, al parco giochi, non vedo molti adulti sull’altalena; certo, lasciano il posto ai piccoli ma credo anche che molti di loro – di noi – si sentirebbero un po’ stupidi a salirci. L’adulto cammina, incede, corre, sta con i piedi ben piantati per terra; guai a perdere il controllo. Ed è una vera amarezza che proprio l’espressione «stare con i piedi per terra» significhi essere onestamente realisti.

SWING
PIXABAY

Coi piedi a mezz’aria, Suor Agnese è ben più realista di molti avveduti e seriosi adulti. Il vero realista accoglie nel suo sguardo ben più di quello che può toccare con mano, ospita lo stupore di tutto ciò che trabocca dal vaso colmo del Mistero di Dio. Scommetto che a 95 anni suonati suor Agnese continua a convertirsi quotidianamente, ricevendone in dote la piccolezza dell’infanzia auspicata da Gesù: se c’è un dato incontestabile rispetto a cui il bambino è più realista dell’adulto è la sua chiarezza circa la necessità di affidarsi a un padre e a una madre. L’essere felicemente dipendente, insomma. L’altalena ci ricorda che dipendiamo dall’alto, siamo aggrappati al Cielo e non schiacciati a terra. E, con un salto dell’immaginazione, le corde dell’altalena sono un po’ come il cordone ombelicale di cui sarebbe bello accorgersi ogni mattina, quello che ci tiene legati alla Madre Celeste.


SISTERS DANCING

Leggi anche:
3 giorni con le suore di clausura: vite lontane dal mondo o al centro esatto dell’amore? (VIDEO)

Nutrici

Mi è venuta la curiosità di conoscere meglio questo ordine delle Convittrici di Gesù Bambino, un segno vivente in più della grande fertilità di percorsi vocazionali che senza tanti clamori mediatici innaffia capillarmente di speranza ogni angolo del nostro paese. Ne è emersa una storia di stra-ordinaria meraviglia. Questa congregazione religiosa a San Severino Marche nacque nella seconda metà del ‘600 ed è tuttora feconda. La parola “convittrici” che ha suscitato il mio interesse è proprio il fulcro dell’esperienza di queste suore:

Le Convittrici del Bambin Gesù hanno questa denominazione per la profonda devozione che i fondatori nutrivano per il mistero dell’Incarnazione. Il nome “CONVITTRICI” si riallaccia al fatto che Anna Moroni dichiarò con semplicità al P. Cosimo Berlinzani, suo Direttore spirituale e cofondatore, di voler essere la “nutrice” di Gesù Bambino. Il Padre prima rimase perplesso, poi ripensò a quanto dice il venerabile Beda. “Qui Verbum Dei spiritualiter auditu fidei concipere, et boni operis custodia vel in suo vel in proximorum corde parere e quasi alere studuerint, esse beatos” (Beati coloro che si sforzano di concepire spiritualmente il Verbo di Dio con la fede attraverso l’ascolto della sua parola, di partorirlo e di nutrirlo quasi per farlo crescere nel proprio cuore e in quello del prossimo con le buone opere). Padre Cosimo, quindi, cambiò il nome di “nutrice” in “convittrice“. (da Istituto delle Suore Convittrici di Gesù Bambino)
SUORE, CONVITTRICI, SAN SEVERINO
Istituto delle Suore Convittrici di San Severino Marche
Suore Convittrici di San Severino Marche




Leggi anche:
Suor Fulvia, catechesi per le donne del monastero Wi-Fi. Qual è il nostro chiostro?

Proprio ieri, imbattendomi nelle parole di Michela Murgia sulla bestemmia, criticavo quell’uscita come tipica di chi giudica il cristianesimo senza averne fatto esperienza: la Murgia ritiene l’Incarnazione addirittura come «la maggior bestemmia», cioè l’atto più riprovevole di un Dio che si umilia a essere uomo. Ecco che la storia viva e vegeta di queste suore frantuma le mille elucubrazioni mentali del misero intellettualismo. Alla scelta di chi specula astrattamente si contrappone la scelta di vita di chi vuole custodire, «nutrire», il Dio fatto Bambino. Stare accanto a quel mistero di Amore nudo e fragile fa germogliare l’altro mistero inconcepibile a certi occhi moderni: la fecondità nella castità. Le suore come Agnese accudiscono Gesù nelle opere educative che svolgono sia per i bambini, sia per l’intera comunità vicino a loro. L’accoglienza a Dio è generativa, ben oltre le egoistiche mire umane. Ha davvero i piedi saldi chi li tiene già fissi in cielo.

Tags:
assunzione di mariagioia cristianasuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni