Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconStorie
line break icon

Olio bollente, violenze, fuga in Italia: così Maria ha pagato la sua conversione

UNAMID/Albert Gonzalez Farran CC

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/08/19

La storia della giovane della Costa d'Avorio bloccata sulla nave Open Arms insieme agli altri migranti: "Mi picchiavano, sono scappata di casa"

Tra i migranti della nave Open Arms, che ancora non conoscono il loro destino, c’è una giovane donna africana. La sua è la storia di una intolleranza religiosa nei confronti di una convertita al cristianesimo.

Olio bollente sulle gambe

Maria, 30 anni, della Costa d’Avorio, quando è diventata cristiana, la sua famiglia l’ha cacciata via da casa. «Per questo sono partita – dice a La Repubblica (20 agosto) – e non sapevo ancora cosa mi aspettava». In Libia, è stata arrestata. «Mi picchiavano continuamente, un giorno hanno provato a violentarmi. Ma io ho resistito con tutte le mie forze. E allora per vendetta mi hanno buttato dell’olio bollente sulle gambe». Da quel giorno, Maria cammina con difficoltà.

La strage di Tajoura

Poi, a luglio, prosegue La Repubblica, la donna è stata scaricata una bomba sul centro di detenzione per migranti dove era imprigionata la giovane donna. A Tajoura sono morte 44 persone, 130 sono rimaste ferite. Quel giorno, Maria è fuggita dalla prigione. E dopo qualche tempo è riuscita a salire su un barcone che doveva portarla in Italia.




Leggi anche:
“Io, imam, difendo i cristiani perseguitati”

Convivenza a rischio

La storia del paese di provenienza di Maria, in effetti, è quella di una convivenza tra cristiani (il 33% della popolazione) e musulmani (il 39%), i primi più numerosi al sud, i secondi nel nord. Come in molte altre parti della regione, le due fedi sono spesso presenti anche all’interno della stessa famiglia, senza particolari tensioni, ma in anni recenti sono arrivate anche indicazioni di segno diverso.

“Corano e regole stringenti”

«L’integralismo, a modo suo, prova a farsi strada. – testimonia padre Dario Dozio, sacerdote della Società delle missioni africane ad Abidjan – Vari predicatori sono arrivati dalla penisola araba, altri, locali, sono andati a studiare all’estero e al loro ritorno hanno costituito gruppi di studio e scuole che danno una lettura fondamentalista del Corano e impongono regole stringenti: le più visibili sono quelle sull’abbigliamento» (La Stampa, marzo 2016).




Leggi anche:
5 storie che accendono una speranza tra i cristiani perseguitati

Il contrasto agli estremisti

La chiave per contrastare queste tendenze passa per l’atteggiamento della popolazione, che per ora sembra resistere ai tentativi di radicalizzazione.

Padre Dozio spiega: «Gli attacchi provocheranno certamente paura, ma non credo creeranno maggiori divisioni tra la gente. – prevede – Forse, anzi, il pericolo e le difficoltà ci renderanno più solidali, come sempre durante le crisi». Il lavoro per la pace della Chiesa e dei religiosi islamici moderati, del resto, va avanti da tempo: dalla fine, cioè, della guerra civile nel 2011. E su questa strada intende proseguire nei prossimi anni, sempre con maggiore forza.


GIAPPONE CRISTIANESIMO PERSECUZIONE

Leggi anche:
I cristiani perseguitati in Giappone si salvarono grazie al Rosario

Tags:
conversionecristiani perseguitati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni