Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quanta frutta dovrebbe mangiare ogni giorno un bambino?

FOOD
By Shestakoff | Shutterstock
Condividi

E se per raggiungere la giusta quota di porzioni proponessimo ai bambini della frutta da bere? Vediamo quali sono le opzioni a nostra disposizione.

di Francesco Gesualdo e Giulia Cinelli

Quanta frutta dovrebbe mangiare ogni giorno un bambino (e anche un adulto)? Le scienze della nutrizione raccomandano almeno 2-3 porzioni di frutta al giorno. Una porzione corrisponde a una mela, una pera, 2-3 mandarini, 2 kiwi.
E se per raggiungere la giusta quota di porzioni proponessimo ai bambini della frutta da bere? È una buona idea per variare durante la giornata o in settimana. Vediamo quali sono le opzioni a nostra disposizione.

La spremuta d’arancia

Si tratta della più classica bevanda a base di frutta. La spremuta d’arancia è un concentrato di nutrienti utili. In particolare, come è noto, contiene una marea di vitamina C, che contribuisce, tra l’altro, alla guarigione delle ferite, all’assorbimento del ferro e al funzionamento del sistema immunitario.
A tal proposito, la vitamina C contenuta nella spremuta d’arancia può essere davvero utile per prevenire – o addirittura curare – le infezioni stagionali? Purtroppo dobbiamo sfatare questo mito. Innanzitutto, se assunta a raffreddore iniziato, la spremuta d’arancia (e la vitamina C in generale) non velocizza la guarigione. Se assunta quotidianamente, non riduce la frequenza delle infezioni, se non in alcuni soggetti particolari: chi pratica sport estremi, chi è esposto a freddo estremo (alla nostra latitudine non è un problema!) e chi fuma.
Infine, qualche consiglio per preparare una buona spremuta d’arancia. Non aggiungete mai zuccheri per addolcire la spremuta (nelle arance spremute c’è già zucchero a sufficienza!), ed evitate di filtrarla: in questo modo infatti si perderebbero le fibre del frutto spremuto, che svolgono tante funzioni utili (ad esempio, riducono l’assorbimento degli zuccheri e favoriscono l’attività intestinale).

Frullati, centrifughe ed estratti

Altre tre possibilità per preparare frutta da bere sono i frullati, le centrifughe e gli estratti. C’è una differenza tra questi tipi di bevande:
• nel frullato la frutta viene sminuzzata con aggiunta di acqua o ghiaccio senza lasciare alcuno scarto;
• nella centrifuga il succo viene estratto dalla frutta con lame che ruotano ad un alto numero di giri, causando un riscaldamento che potrebbe portare alla degradazione di alcuni nutrienti (in particolare le vitamine);
• gli estratti, invece, usando un processo di spremitura a basso numero di giri, permettono di estrarre più succo, senza degradare le vitamine.

Per frullati, centrifughe ed estratti si possono utilizzare sia frutta sia verdura. Rispetto alla spremuta d’arancia e ai frullati, nelle ultime due preparazioni le fibre vengono completamente separate dal succo. Tuttavia, non buttatele! Le fibre “espulse” dalle macchine possono essere riutilizzate per preparare, ad esempio, degli ottimi biscotti (con le fibre della frutta) o delle gustose polpette (con le fibre della verdura).

Shutterstock-Dani Vincek

Succhi di frutta

Infine, se non riusciamo a preparare una bevanda fresca, anche i succhi di frutta possono essere una valida alternativa, con l’accortezza di scegliere prodotti preparati esclusivamente con il 100% di frutta, senza zuccheri aggiunti e possibilmente contenenti la polpa.
Qualsiasi sia la scelta della frutta da bere è importante non esagerare: non più di una porzione al giorno. E ricordiamo che la frutta fresca intera rimane sempre la scelta migliore!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.