Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’uso eccessivo dei social in adolescenza danneggia di più le ragazze!

By Peter Snaterse/SHutterstock
Condividi

Due recenti ricerche sottolineano la gravità degli effetti psichici e fisici derivanti dall’uso prolungato dello smartphone

Una recente ricerca realizzata dal “Ucl Great Ormond Street Institute of Child Health” e pubblicata sulla prestigiosa rivista: “The Lancet Child & Adolescent Health”  getta ancora una volta una luce inquietante sugli effetti deleteri dell’uso massiccio dei social da parte di soggetti adolescenti (Ansa.it).

Connettersi ai social più di 3 volte al giorno peggiora la salute

Lo studio, condotto intervistando circa diecimila adolescenti di età compresa fra i 13 e i 16 anni, ha evidenziato come connettersi oltre tre volte al giorno a Facebook, Instagram, WhatsApp, Twitter o Snapchat comporti un peggior stato di salute mentale e fisica. Gli effetti di natura psichica riscontrati sono stati: depressione, ansia , insonnia, stress cronico e carenza di autostima, mentre quelli di natura fisica sono collegati alla scarsità di attività motoria.

Chi paga il prezzo più alto? le ragazze!

A pagare il prezzo più alto della “sbornia da social” sarebbero le ragazze, esposte maggiormente al fenomeno del cyberbullismo, alla mancanza di sonno, alla carenza di esercizio fisico e di vita all’aria aperta. Questi effetti psicologici negativi derivanti dall’uso dei social risultano colpire solo il 12% dei maschi, a differenza delle femmine che fanno registrare un preoccupante 60%, ma è d’obbligo mantenere una certa cautela nell’interpretazione di queste differenze di genere che potrebbero essere collegate ad una maggiore sincerità nelle risposte da parte delle ragazze, essendo stata la ricerca condotta unicamente attraverso lo strumento dell’intervista.

Usare lo smartphone per più di 5 ore al giorno aumenta del 43% il rischio di obesità

Un altro studio presentato alla annuale Conferenza dell’American College of Cardiology e condotto in Colombia (Ansa.it) ha riguardato oltre mille studenti di 19-20 anni, il cui utilizzo dello smartphone è stato attentamente monitorato. Si è potuto così rilevare come il suo uso per oltre cinque ore al giorno si colleghi al un rischio di obesità maggiore del 43%, a probabilità doppia di consumare bibite, mangiare “cibo spazzatura” e snack dolci. Il direttore di questa ricerca l’ha così commentata:

L’uso prolungato del telefonino facilita la sedentarietà e riduce l’attività fisica, condizioni associate ad un aumentato rischio di morte prematura, diabete, malattie cardiovascolari, tumori, problemi osteoarticolari (Ibidem).

Patologie tutte la cui prevenzione, già da oggi ma sempre più nel futuro prossimo, passerà in gran parte per una sana educazione, fin dalla tenera età, all’uso dei dispositivi elettronici.

Baby - Kid - Smartphone
By Yaoinlove | Shutterstock
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.