Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconNews
line break icon

Una bella vittoria per i cristiani in Iraq: inaugurata la chiesa distrutta dall'Isis

Monastery of the Martyrs Mar Behnam and Marth Sarah

© Fraternité en Irak

Monastero di Mar Behnam, particolare della facciata.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/08/19

La chiesa di san Mar Behnam e Marth Sarah a Qaraqosh era stata vandalizzata dagli estremisti. Dopo due anni e mezzo di duro lavoro è tornata a splendere

Il 15 agosto è stata riconsacrata a Qaraqosh la chiesa dedicata a san Behnam e Sarah, distrutta dall’Isis.

Dietro questo evento simbolica di grande importanza per i cristiani in Iraq, c’è il forte impegno di padre Georges Jahola, che ha fatto ritorno a Qaraqosh il 23 novembre 2016, dopo la sconfitta dell’Isis in Iraq.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m14!1m8!1m3!1d12888.718327985634!2d43.406288!3d36.1378405!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x0%3A0x513bb64e981b246f!2sMar+Behnam+Monastery!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1566222136718!5m2!1sit!2sit&w=600&h=450%5D

Due anni e mezzo

Nei due anni di occupazione i terroristi islamici avevano ridotto la città a un cumulo di macerie. In particolare, la chiesa intitolata a due martiri locali del IV secolo, san Mar Behnam e Marth Sarah, pagani uccisi dopo essere stati battezzati, era stata incendiata e vandalizzata. Dopo un lavoro di restauro durato due anni e mezzo, del quale padre Jahola è responsabile, la Chiesa è tornata a splendere.

«È un evento simbolico e fondamentale per noi cristiani della Piana di Ninive», spiega padre Jahola a tempi.it (15 agosto). «Nonostante tutta la distruzione e gli affronti subiti, la riconsacrazione della chiesa è la dimostrazione che la fede è ancora viva. Le forze del male volevano distruggere non soltanto le pietre, ma la comunità intera dei cristiani. Oggi possiamo dire che non ci sono riusciti».


Monastery of the Martyrs Mar Behnam and Marth Sarah

Leggi anche:
Iraq: Mar Behnam, un monastero condiviso

“Aggrappati a questa terra”

I cristiani della Piana di Ninive «si aggrappano» letteralmente alla ricostruzione della chiesa San Behnam e Sarah per «incoraggiarsi a rimanere in questa terra».

Il 7 agosto 2014, quando l’Isis costrinse i cristiani della città ad abbandonare tutto e a scappare a Erbil, a Qaraqosh vivevano oltre 50 mila cristiani. Oggi, scrive sempre tempi.it, ne sono tornati 26 mila, «circa la metà». D’altro canto su 1,5 milioni di cristiani in Iraq nel 2003, oltre un milione ha abbandonato il paese.

3000 case ricostruite

Padre Jahola non ha lavorato solo alla ricostruzione della chiesa, ma si occupa di sostenere la ricostruzione dell’intera città.

«Il 50 per cento del lavoro è stato fatto, tremila case sono tornate in piedi, ma dobbiamo ricostruirne altrettante. Purtroppo ora i lavori si sono fermati perché ci mancano i fondi: ci hanno aiutato solo organizzazioni cristiane e il governo dell’Ungheria», dichiara, sottolineando l’indifferenza del governo iracheno,




Leggi anche:
Il Parlamento europeo non ha dubbi, l’Isis sta compiendo un genocidio contro i cristiani

“Testimoniare Cristo”

Il 15 agosto, però è stato un giorno di festa per i cristiani iracheni. La riconsacrazione della chiesa di San Behnam e Sarah fa ben sperare: «Non sono solo pietre, è la fede del popolo che si rafforza e rinasce. Noi cristiani – chiosa il sacerdote – infatti continuiamo a testimoniare Cristo ai nostri fratelli e ai non cristiani».




Leggi anche:
Tra i profughi cristiani di Erbil scappati all’orrore dell’ISIS

Tags:
iraqisis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni