Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Perché non andare a messa anche per quelli che non possono?

Nuit des Témoins 2018 - ©️Michel Pourny

Aleteia - pubblicato il 19/08/19

Aiuto alla Chiesa che Soffre invita i cristiani ad andare a messa, questo 22 agosto, per tutti quelli che non possono. Quest’invito s’iscrive nel quadro della prima “Giornata internazionale di commemorazione delle persone vittime di violenze in ragione della loro religione o delle loro convinzioni”, istituita dall’Onu nello scorso maggio.

Pregare per gli altri – per i non credenti come per quelli che non possono partecipare liberamente alla messa – è una tradizione biblica. Oggi nel mondo circa 200 milioni di cristiani non possono vivere liberamente la loro fede. Alcuni abitano in regioni molto isolate, senza sacerdoti oppure – ove ce ne siano – essi sono sovente imprigionati, subiscono persecuzioni, violenze o vivono in un paese in cui la fede cattolica è proibita. Oggi molti cristiani non hanno la possibilità di andare a messa. Di fronte a questa realtà, Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) invita tutti i cristiani a recarsi a messa, il 22 agosto, per quelli che non possono.




Leggi anche:
Rapimento di Padre Macalli, il fratello ad ACS «Pier Luigi è un missionario generoso, sempre pronto a dare tutto»

Si tratta di un appello inedito che s’iscrive nel quadro della prima “Giornata internazionale di commemorazione delle persone vittime di violenze in ragione della loro religione o delle loro convinzioni”, istituita dall’Onu nel maggio 2019. È a fronte di una significativa moltiplicazione degli atti di violenza verso le minoranze religiose che l’Assemblea Generale dell’Onu ha deciso di scegliere il 22 agosto come giornata commemorante persone in questa condizione. Andare a messa in quel giorno è un’occasione per «porre un atto di solidarietà riguardo ai cristiani perseguitati che non possono andare a messa», sottolinea ACS.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cristiani perseguitati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni