Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La gioventù cattolica delle Filippine alla ricerca di modelli autentici

PHILIPPINES
Condividi

Migliaia di fedeli filippini si sono raccolti a Manila alla fine dello scorso luglio per assistere a una conferenza sulla nuova evangelizzazione. Si parlava di giovani sotto al titolo “La gioventù filippina in cammino con Gesù”. Conferenze, testimonianze, momenti di condivisione… Un incontro che ha permesso di mettere in luce «il bisogno di testimoni e di modelli autentici per la nuova generazione di giovani cattolici nelle Filippine».

Dare modelli per la gioventù di oggi e accompagnarla nel suo esigente interrogarsi sulla verità – ecco la sfida della nuova evangelizzazione. Una sfida largamente evocata durante la conferenza sulla nuova evangelizzazione che si è tenuto a Manila dal 19 al 21 luglio – lo ha segnalato l’Agence des Missions Étrangères di Parigi. Avviata dal cardinale Luis Antonio Tagle nel 2013 per il 500esimo anniversario dell’arrivo del cristianesimo a Manila, la conferenza si è tenuta all’università Santo Tomás di Manila.

Che cos’è la verità?

Sono stati circa cinquemila i partecipanti a questa sesta edizione. L’approfondimento e il rafforzamento della fede e della vita spirituale della gioventù filippina stava al cuore delle riflessioni. «La maggior parte delle questioni dei giovani di oggi vertono sull’esistenza di Dio e sull’essenza della verità», ha dichiarato mons. Rex Andrew Alarcon, vescovo di Daet, una diocesi situata a sud-est di Manila.

Davanti alle “questioni coraggiose” dei giovani, i più vecchi non hanno sempre le risposte pronte, riconosce il presule. Tuttavia bisogna «accompagnare i giovani nella loro ricerca della verità». Due chiavi alla bisogna: dare loro «un senso di appartenenza» e aiutarli a «esercitare la loro libertà sviluppando una modalità adulta di impegnarsi».

«Hanno bisogno di persone vere, autentiche»

Un mezzo concreto di consolidare la loro fede consiste nel mettere sulla loro strada dei testimoni autentici, secondo il predicatore laico Bo Sanchez, fondatore del movimento Light of Jesus Family. «Hanno bisogno di persone vere, autentiche, sia sui social network sia di persona», sottolinea.

Non conosceranno l’amore di Dio su un piano teorico se non fanno l’esperienza personale di una tale relazione: hanno bisogno di mentori, di persone che siano capaci di pronunciare le tre parole “venite e vedete”.

Durante la conferenza dei testimoni venuti da ogni dove, con esperienze assai diverse, hanno preso la parola. Così un atleta di primo rilievo ha portato la sua testimonianza spiegando quanto la sua fede lo aiuti a superare l’ansia – disturbo che affligge molti giovani. «Nelle mie preghiere io chiedo sempre al Signore di calmare le mie angosce», ha pure confidato Sisi Rondina, giovane adolescente, all’agenzia Églises d’Asie: «È rassicurante sapere che Dio ti guarisce».

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.