Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il sorprendente gesto di fede di Egan Bernal, campione del Tour de France

EGAN BERNAL
MARCO BERTORELLO | AFP
Condividi

Il colombiano, di appena 22 anni e professionista da poco tempo, è diventato il primo latinoamericano a vincere la gara ciclistica più antica e prestigiosa del mondo

Coronandosi campione a Parigi, il colombiano ha salutato dal podio e ha ringraziato i tifosi in quattro lingue: francese, inglese, italiano e spagnolo.

Quando era ancora uno sconosciuto, l’argentino Mario Sábato gli ha attribuito il suo soprannome più famoso: “Joven maravilla”.

Zipaquirá, oltre alla Cattedrale di sale, è anche famosa per il suo passato a livello culturale e musicale, e perché nel 1946 il futuro Nobel per la Letteratura Gabriel García Márquez vi ha conseguito il baccalaureato.

Il futuro sembra sorridere al campione non solo per il contratto milionario che ha firmato, patrocinato della multinazionale britannica Ineos, ma anche perché gli esperti parlano già di “era Egan”, una tappa che si prevede di grande successo per il ciclismo latinoamericano.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni