Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Un prete fece da intermediario, così ho realizzato le scarpe per il Papa”

RED SHOES
Shutterstock-Eugenio Marongiu
Condividi

Il maestro artigiano Virgilio Virgili è stato il calzolaio artigiano di Pio XII. Eppure oggi non trova eredi per gestire la sua bottega

Il calzolaio del Papa non trova eredi. E rischia di chiudere per sempre, senza alcun seguito, la sua attività di prezioso artigiano. Un lavoro talmente eccellente  da essere notato dal Vaticano.

Virgilio Virgili 83 anni il prossimo 2 ottobre, classe 1936, realizza borse con le sue mani. Nato a Monterubbiano in provincia di Fermo, nelle Marche, è uno degli ultimi artigiani rimasti

Jorge Royan | Jorge Royan

L’incontro con Pio XII

La sua carriera comincia nel 1954 a diciotto anni, e nel 1956 la consegna delle scarpe a Papa Pio XII, assieme ad altre giovani promesse della moda, lo fa spiccare. «Dovevo andare alla scuola per stilisti di Jesi – racconta a Il Giornale (8 agosto) – ma non potevo. Così andai a scuola dai preti. Disegnavo. Disegnavo e disegnavo. Lì conobbi un prete che aveva contatti con Roma che dopo aver visto i miei disegni mi disse di disegnare le scarpe per il Papa. E così feci».

PIO XII
Luis Fernandez-Laguna-(CC BY-SA 3.0)

Dal Vaticano all’India

Dopo quell’esperienza capisce ancor di più che quella è la sua vita e negli anni a venire, dopo l’offerta di un lavoro come insegnante in India, decide di mettersi in proprio e di diventare un professionista. Collabora con marchi internazionali. Realizza borse, borselli, cinture. E lo fa tuttora, nella sua bottega di Casette D’Ete, una piccola frazione in provincia di Fermo. Nel suo biglietto da visita ci sta scritto: «Design e tecnica per pelletterie». Le fibie le disegna lui. Le schizza. Le fa stampare. E le colora. Ma le borse soprattutto. Realizzate a mano. Cucite. E prima disegnate. Per farne una impiega quattro giorni.

“Tre quattro mesi…”

«Ma la pelle?». «La pelle – risponde sempre a Il Giornale – la prendo io o la recupero da amici». Virgilio, che ha un figlio, che però ha preso un’altra direzione, ha provato varie volte a lanciare appelli, a cercare qualcuno che volesse «imparare» il suo mestiere.

O perlomeno provarci. Ma niente. «Ho avuto ragazzetti che rimanevano da me tre quattro mesi, poi basta se ne andavano. È un mondo così il nostro. Siamo spariti. E se sparisce l’artigianato sparisce il lavoro fatto a mano».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni