Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pubblicato in Francia un fumetto sulla vita di san Massimiliano Maria Kolbe

Couverture BD Kolbe
Éditions Artège
Couverture de la BD "Maximilien Kolbe, Un saint à Auschwitz"
Condividi

Lo scenografo Jean-François Vivier e il disegnatore Régis Parenteau-Denoël (che si firma “Denoël”) pubblicano per le edizioni Artège “Maximilien Kolbe, un saint à Auschwitz” [Massimiliano Kolbe, un santo ad Auschwitz, N.d.T.], un fumetto assai riuscito dedicato al grande santo polacco.

Lo scenografo Jean-François Vivier e il disegnatore Régis Parenteau-Denoël (che si firma “Denoël”) pubblicano per le edizioni Artège “Maximilien Kolbe, un saint à Auschwitz” [Massimiliano Kolbe, un santo ad Auschwitz, N.d.T.], un fumetto assai riuscito dedicato al grande santo polacco. Entrambi avevano già pubblicato, sempre con Artège, “Franz Stock, passeur d’âmes” [“Franz Stock, il contrabbandiere di anime”, N.d.T.], altro grande santo del XX secolo.

Benjamin Fayet: Avete appena pubblicato un fumetto che ripercorre la vita di san Massimiliano Kolbe. Lavorare a lungo sulla vita di un uomo così luminoso ha cambiato qualcosa in voi?

Jean-François Vivier: Lavorare su questo tipo di personaggi obbliga per forza a mettersi in discussione quanto alla propria vita. Ciò che più mi ha colpito, in Massimiliano Kolbe, è il suo abbandono totale alla volontà della Vergine.

Régis Parenteau-Denoël: La realizzazione di questo fumetto è stata molto intensa, per me: otto mesi di lavoro continuo, inclusa gran parte dei fine-settimana e molte serate. Mia madre mi aveva lasciato, prima di morire, tre libri su padre Kolbe – fra cui delle testimonianze e i suoi scritti spirituali. Questo mi ha aiutato molto a familiarizzarmi con la sua straordinaria personalità. La comitiva di Massimiliano Kolbe ti nutre: davanti a un uomo così diventi umile necessariamente, tanto è controcorrente rispetto al nostro tempo quanto al dono totale e all’amore del prossimo.

B. F.: Evangelizzare a mezzo dei media, come egli fece mediante il giornalismo, è qualcosa che anche voi cercate di fare con i vostri fumetti?

J.-F. V. : L’impatto dei media, e in particolare dell’immagine, è molto forte nel nostro mondo. E allora, se può servire a elevare le anime invece che il contrario… bisogna servirsene!

R. P.-D.: Mi sforzo di condividere con il maggior numero possibile di persone, dagli 8 agli 88 anni, credenti e non, in uno stile deliberatamente classico, chiaro e leggibile. Sono sempre profondamente toccato, quando mi dicono che il nostro fumetto è stato commovente. Si svegliano delle cose… è la bellezza di questo mestiere e di questo mezzo di comunicazione squisitamente popolare.

B. F.: Qual è la sfaccettatura della personalità di padre Kolbe che vi ha più toccati?

J.-F. V. : La sua ricerca immemorabile della santità. Una frase che scrisse nel suo diario quando era giovanissimo prete mi ha particolarmente colpito: «Essere santo, e un gran santo». Tutta la sua personalità è in questa frase, mi pare.

R. P.-D.: Massimiliano Kolbe significa condivisione e compassione sospinte fino al dono della vita. Sconvolgente.

B. F.: Cosa vi piacerebbe che il vostro fumetto trasmettesse ai giovani e ai meno giovani che lo leggeranno?

J.-F. V. : Siamo in una società che vaneggia da tutte le parti, ma in passato non sono mancate epoche difficili. Mediante queste grandi figure vorrei portare un po’ di speranza e di coraggio alla generazione che viene dopo di noi. Come diceva Franz Stock (del quale pure abbiamo raccontato la vita in un fumetto): «Il numero dei santi voluti da Dio in essa basta a salvare un’epoca».

R. P.-D.: La compassione, in particolare; il gusto della bellezza, del vero, indissolubilmente legati. Il dono di sé, proporzionatamente alle proprie capacità e al proprio ruolo nella società. Siate generosi e inventivi!

B. F.: Che posto occupa Massimiliano Kolbe nella Polonia attuale? Si prevede che il vostro libro venga tradotto in polacco?

J.-F. V. : Massimiliano Kolbe è molto venerato, in Polonia. Un’amica polacca mi diceva che aveva accompagnato tutta la sua infanzia. Il costo dei libri in Francia e in Polonia, però, non è comparabile, e malgrado l’interesse di diversi editori polacchi sembra che la cosa non possa farsi. Un vero peccato, però abbiamo la consolazione di una traduzione americana.

R. P.-D.: Spero comunque che una versione polacca vedrà la luce, che io possa scoprire davvero Niepokalanow e che arriviamo a toccare la generazione in fiore di quel Paese.

Artège

Maximilien Kolbe, Un saint à AuschwitzJean-François Vivier, Denoël, Artège, 52 pagine, € 14,90.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.