Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Pip”, un corto animato per ricordare l’importanza di ascoltare il nostro cuore

Condividi
di Nory Camargo

Il protagonista del corto intitolato “Pip” è un cagnolino che lotta per inserirsi in un posto che forse non è il suo. Dico “forse” perché a volte ci convinciamo di non essere capaci di fare qualcosa o di non essere abbastanza bravi.

Questa storia mi ha fatto pensare che a volte desideriamo molto qualcosa, al punto da non permettere che ci sia spazio per altri sogni.

Nel cuore, nella mente e nell’anima non c’è spazio per nient’altro. Ma cosa succede quando ci rendiamo conto del fatto che nonostante gli sforzi non ci sono frutti? O cosa accade quando crediamo di essere più vicini che mai alla meta e alla fine va tutto male?

L’importanza di perseverare

Perseverare non è mai facile. In genere, quando qualcuno ci consiglia di essere più perseveranti è perché abbiamo già avuto alcuni insuccessi – ci hanno chiuso le porte in faccia, ci hanno negato delle opportunità o ci hanno cacciati con un “No”.

Questo corto mi ha anche fatto pensare a tutte le volte in cui non troviamo un senso a tanti fallimenti, a tante cadute e a tanti sbagli, al dolore o alla sofferenza. Quando ci troviamo in situazioni o in epoche in cui tutto sembra andare male, ci costa trovare la speranza. Ci costa credere in noi stessi.

Saper ascoltare il cuore

Ho sempre creduto che quando Dio ci mette qualcosa nel cuore dobbiamo saperlo ascoltare. Ignorarlo non farà altro che rendere il cammino più complicato, e arrenderci ci riempirà di frustrazione.

Quando un desiderio emerge con forza dal cuore, bisogna fermarsi e chiedere a Dio: “Cosa vuoi da me?”, “Cosa vuoi che faccia?”, e magari anche “Perché mi rendi le cose tanto difficili se sei l’autore di quel desiderio che c’è in me?”

La gente ci dica che siamo dei pazzi, ci critichi, ci guardi male, mormori, si prenda gioco di noi e ci dica che non riusciremo. Alla fine, gli unici ad avere la capacità di cambiare le cose siamo noi.

Non arrendetevi davanti agli insuccessi quando altri vi dicono che non siete fatti per qualcosa. Non vi preoccupate se all’inizio sembra che non vi adattiate alla situazione. Se Dio vi ha posto quel sogno, quel desiderio o quella vocazione nel cuore, lottate con forza.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.