Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconStile di vita
line break icon

3 tipi di bullismo vocazionale (e come affrontarli)

wideonet/Shutterstock

Monsignor Orlando Brandes - pubblicato il 09/08/19

Basta omissioni e negatività! Gesù merita di essere diffuso, amato e seguito

In casa, in comunità, a scuola o al lavoro, il giovane che ha la vocazione teme di dire che vuole diventare sacerdote, perché non appena lo rivela scatta il bullismo.

È un tema delicato e attuale, che l’arcivescovo di Aparecida (Brasile), monsignor Orlando Brandes, ha affrontato molto bene sul portale A12. A suo avviso, esistono 3 tipi di bullismo vocazionale, che vanno affrontati e superati. Eccoli:

1. Bullismo dei compagni. Un giovane teme di dire che vuole diventare sacerdote perché poi si guadagna dei soprannomi e diventa vittima di scherzi, scherno e perfino umiliazioni. Ricordiamoci che ogni vocazione affronta delle prove. Bisogna andare controcorrente. Chi ha la vocazione deve selezionare le sue amicizie, partecipare a gruppi giovanili, cercare orientamento vocazionale… Quante persone con la vocazione trovano sostegno, stimolo e aiuto da parte di tante persone che sono veri angeli vocazionali!

2. Bullismo dei familiari. Molti di coloro che sentono la vocazione evitano di parlarne in casa, perché genitori, fratelli e parenti sono i primi a scoraggiarli con una serie di difficoltà. Quanti sacerdoti, religiosi e santi hanno affrontato un clima negativo in famiglia per difendere e confermare la loro vocazione! Bisogna prendere su di sé la croce. La croce del bullismo è una delle più perverse, perché giudica, proietta concetti falsi e usa le armi distruttive della critica, dell’umiliazione e della menzogna. Queste sfide si vincono solo con molta preghiera, molta lettura orante, buone amicizie, orientamento da parte di persone competenti e la testimonianza positiva dei sacerdoti.

3. Bullismo da parte della società. Si fanno mille caricature del sacerdote, presentandolo come tradizionalista, troppo moderno, dipendente dalla madre, liberale… Ormai parlar male della Chiesa e dei sacerdoti è uno dei passatempi più comuni. Dobbiamo essere tutti più coraggiosi e ottimisti e incoraggiare le vocazioni. Basta con le omissioni e la negatività. Gesù merita di essere diffuso, amato, conosciuto e seguito!

Tags:
bullismovocazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni