Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconStorie
line break icon

El Paso: “Perdono l'assassino di mio figlio”. Una testimonianza toccante dopo il massacro

EL PASO

MARK RALSTON | AFP

Aleteia - pubblicato il 08/08/19

In mezzo al dolore per la morte di 22 persone in una sparatoria nel Texas, il messaggio commovente del padre di una delle vittime

La storia di Jordan e Andre Anchondo – la giovane coppia morta cercando di proteggere il figlio di due mesi dopo la sparatoria in un negozio Walmart a El Paso, in Texas (Stati Uniti), alla frontiera con il Messico, ha fatto il giro del mondo.

Quella che finora ha avuto poca diffusione è la testimonianza del padre del ragazzo ucciso, Gilbert Anchondo, che parlando con BBC World ha detto: “L’assalitore potrebbe essere mio figlio. Lo perdono perché non era in sé. Aveva il demonio dentro. Sono molto credente, e lo perdono per quello che ha fatto”.

La voce di Gilbert è arrivata in mezzo al dolore più grande, quello per la perdita di un figlio, e mostra grandezza e coraggio.

ANCHONDO
Cortesía: Brenda Anchondo

Gilbert ha raccontato di aver visto per l’ultima volta Jordan e Andre, che teneva in braccio il piccolo Paul, la mattina di sabato 3 agosto.

“Jordan stava chiudendo la porta, e Andre teneva in braccio il figlio neonato. Erano pronti a uscire di casa. Mi pento di una cosa: non mi sono fermato a dar loro un abbraccio, un benedizione e un bacio. Ma li ho visti felici”, ha riferito Gilbert.

Si è espresso anche il fratello maggiore di Andre, dicendo che quest’ultimo ha cercato di fermare l’assalitore.

“Ricorderò sempre che è morto dando la vita per salvare la moglie e il figlio, e magari anche altra gente. Era eroico. È sempre stato così, anche da piccolo”, ha aggiunto Gilbert.

Tags:
figliomicidiopadreperdonostati uniti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni