Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nella preghiera è Dio che non si accontenta di darci solo il poco che chiediamo

happy thoughtful woman
By wavebreakmedia/Shutterstock
Condividi

Leggiamo il Vangelo e ci accorgiamo che il modo di pensare di Dio è radicalmente diverso dal nostro: ciò che chiediamo è sempre troppo poco. Alle nostre richieste risponde donando il Suo stesso Spirito.

Mi piace trovare nel Vangelo parole di Gesù che sono diverse da quelle che avrei detto io… Così capisco meglio dove devo correggermi e come corrispondere all’amore di Dio in modo più giusto. La prima frase che mi viene in mente è la conclusione del discorso iniziato con “La messe è molta ma gli operai sono pochi…” (Luca 10,2). Io avrei concluso: “quindi datevi da fare”.

Invece Gesù dice: “Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe”. Come al solito è più facile aver fiducia nelle proprie capacità che nell’intervento di Dio. Ne è una conferma la dedizione alla preghiera dei santi che hanno poi realizzato grandi cose nell’apostolato, nell’insegnamento, nella beneficenza, ecc… Una prima botta alla mia dura cervice.

Leggi anche: «Sia fatta la tua volontà»: il Padre nostro ci impegna a partecipare all’opera di Dio

Un’altra botta viene dal vangelo di Luca cap. 11. Gesù ha appena insegnato ai discepoli il Padre nostro e lo commenta dicendo:

Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pane, gli darà una pietra? O se gli chiede un pesce, gli darà al posto del pesce una serpe? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione?  Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!

Io avrei detto: “il Padre vostro vi darà ciò che chiedete”. E invece no. Alle richieste dei suoi figli il Padre che è nei cieli risponderà col dono dello Spirito Santo, che è Dio stesso. Qualsiasi richiesta che io voglia fare sarà sempre meno dello Spirito di Dio che è al di sopra di ogni dono e comprende tutte le grazie che io voglia chiedere.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG DI PIPPO CORIGLIANO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.