Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per essere un “incessante atto d’amore”

nun
By Anneka | Shutterstock
Condividi

Molti di noi potrebbero usare questa preghiera come modo per riuscire ad arrivare alla fine della giornata

Pierina Lorenzina Betrone era nata a Saluzzo il 6 aprile 1903, figlia di Pietro Betrone e Giuseppina Nirino, che possedevano un panificio. Pierina era la seconda delle loro sei figlie. Era in salute e cresceva bene, ed era gentile e divertente. Nessuno avrebbe mai immaginato che potesse essere scelta da Gesù per essere una delle Sue amate “Anime Vittime”.

Dopo un’infanzia normale, Pierina diventò adolescente. Era assidua nella vita di preghiera e devota al Rosario. Un giorno, a 13 anni, stava andando a fare delle commissioni per la madre quando ebbe un’esperienza che descrisse come un’esplosione di preghiera dal suo giovane cuore. Si fermò e da dentro le vennero le parole “Mio Dio, ti amo!” Venne avvolta da un senso di intensità spirituale, e quel momento fu l’inizio del suo rapporto speciale con il Signore.

Il giorno della festa dell’Immacolata Concezione, Pierina si dedicò alla Beata Vergine. Tornando al banco dopo aver ricevuto la Comunione, sentì chiaramente le parole: “Vuoi essere mia?”

Non comprese bene cosa stesse accadendo, ma quel momento fu così intenso che scoppiò a piangere. Tra le lacrime e senza sapere bene cosa le succedeva rispose “Sì”.

Pierina sapeva di essere chiamata alla vita religiosa. Sembrava trovarsi sempre davanti degli ostacoli mentre cercava di essere ammessa in ordini non claustrali, ma non disperò, credendo che Gesù la stesse preparando per il progetto che aveva per lei. A 21 anni riuscì finalmente a entrare in un ordine.

Il suo confessore, don Accomasso, si rese conto che era fatta per un ordine di clausura e le consigliò di entrare nel Convento delle Clarisse Povere (Ordine dei Francescani Cappuccini) di Torino. Pierina entrò in convento il 17 aprile 1929. Dopo la preparazione e il periodo di discernimento, il 28 febbraio 1930 prese i voti assumendo il nome di suor Maria Consolata.

Gesù la guidava nel suo percorso spirituale e nella vita che voleva conducesse. Come indicava il suo nome, sarebbe diventata la consolatrice del Suo Sacratissimo Cuore. A Torino, inoltre, la Madonna è venerata proprio con il titolo di Consolata. Lo stesso giorno in cui ricevette il velo sentì le parole: “Non ti chiamo per qualcosa di più di questo: un incessante atto d’amore”.

Suor Maria Consolata pronunciò i voti perpetui l’8 aprile 1934. Lavorò nascosta dal mondo come cuoca, portinaia e ciabattina. Il 9 novembre dello stesso anno scrisse che “Gesù le stava rivelando le intime sofferenze del Suo Cuore provocate dall’infedeltà delle anime a Lui consacrate”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.