Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Maggio |
Sant'Agostino di Canterbury
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

“Non ho le gambe, ma Dio mi ha donato le ali”. Il toccante messaggio di un poliziotto colombiano

CARVAJAL RUEDA

Nicolas Galeano - Presidencia

Vicente Silva Vargas - pubblicato il 26/07/19

Il dramma del poliziotto è iniziato nel novembre 2018, mentre esplorava una zona boschiva di Tarazá, Antioquia, nel nord-est della Colombia, dove i guerriglieri di sinistra dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) avevano seminato molte mine antiuomo. La sua funzione consisteva nell’ispezionare insieme a un labrador i percorsi dei contadini e degli sradicatori manuali di coca per evitare che questi calpestassero le mine.

Secondo i rapporti della Polizia Nazionale, Tara, una labrador addestrata a individuare questo tipi di esplosivi, si è accorta della mina, ma non è riuscita ad avvisare il padrone, che è schizzato in aria, ha perso i sensi e dopo quattro giorni di coma e altri 14 in terapia intensiva si è risvegliato senza le gambe e senza rendersi conto di cosa fosse realmente successo quel 10 novembre.

Poco dopo la sfilata militare in cui è stato divulgato il suo caso, il quotidiano El Tiempo ha rivelato che quando José Fernando si è reso conto che non avrebbe più potuto camminare normalmente ha sorpreso i medici e la famiglia dicendo: “In questo momento non ho le gambe, ma posso dire con grande orgoglio che Dio mi ha regalato le ali”.

CARVAJAL RUEDA
Nicolas Galeano - Presidencia

Il quotidiano ha reso noto che quando gli è stato chiesto dei suoi aggressori il giovane ha dimostrato un ammirevole senso di perdono dicendo: “Dio mio, perdono chi ha fatto questo perché non lo meritavo. E ti chiedo, Dio, di perdonarli e di perdonare me, perché ho bisogno di Te”. Il poliziotto ha aggiunto di aver perdonato i terroristi “perché anche se mi hanno tolto i piedi non mi hanno tolto i sogni”.

Carvajal Rueda lavora ora come comunicatore in una stazione radio della Polizia Nazionale a Bucaramanga, la sua città d’origine, e pronuncia conferenze in scuole e università sul superamento personale e il rispetto della vita, mentre nelle reti sociali mostra messaggi di motivazione ai giovani partendo dal suo dramma personale.

  • 1
  • 2
Tags:
attentatocolombiapoliziotto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni