Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fate un pellegrinaggio a uno di questi siti in cui hanno avuto luogo dei miracoli eucaristici!

Basilica of San Francesco
Condividi

Ecco le prove degli eventi miracolosi, alcuni dei quali hanno implicato la trasformazione del pane e del vino in carne e sangue

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

I resoconti dei miracoli che coinvolgono la Santissima Eucaristia si sono diffusi per secoli e hanno aumentato la reverenza nei confronti del Corpo e del Sangue di Cristo.

Queste storie continuano a ispirare i fedeli, e i luoghi in cui sono avvenuti questi miracoli sono diventati popolari mete di pellegrinaggio, in cui si possono ancora vedere le prove degli eventi miracolosi.

Il miracolo di Lanciano

Quello di Lanciano è forse il più famoso dei miracoli eucaristici.

Nell’VIII secolo, un sacerdote di Lanciano dubitava della presenza reale di Cristo nell’Eucaristia. Quando pronunciò le parole di consacrazione durante la Messa, vide il pane e il vino trasformarsi in carne e sangue umani. Il sangue si coagulò in cinque globuli, che in seguito si credette rappresentassero le cinque ferite di Cristo.

Nel 1971, un’analisi scientifica della carne ha scoperto che si trattava di tessuto cardiaco e che il sangue era fresco. Il sangue e la carne sono ancora preservati, e si possono visitare nella chiesa di San Francesco a Lanciano.

Il miracolo eucaristico di Santarém (Portogallo)

Una donna del XIII secolo di Santarém, in Portogallo, consultò una maga perché il marito le era infedele. La maga le disse che l’avrebbe aiutata se le avesse portato un’ostia consacrata.

La donna andò a Messa e dopo la Comunione si tirò fuori dalla bocca l’ostia, avvolgendola nel suo velo. L’ostia iniziò a sanguinare, ma la donna la portò comunque a casa e la nascose. Quella sera, una luce iniziò a emanare dal cassetto in cui giaceva l’ostia. La donna confessò i suoi peccati a un sacerdote, e l’ostia venne restituita alla chiesa.

L’ostia insanguinata resta in mostra in quest’ultima, poi ribattezzata chiesa del Santo Miracolo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni