Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 cose che ho imparato sulla fede dall’esperienza di Madre Teresa

Foto: AFP Photo
Condividi

La fede si rafforza donandola (anche se non ne avete molta)

1. L’oscurità ci porta a cercare con più forza la luce

SAD
Photo by Louis Blythe on Unsplash

Sappiamo che l’oscurità ci porta a cercare la luce con più forza. È stata questa la storia di Madre Teresa. La sua prova di fede le faceva avere un desiderio immenso (perfino doloroso) di Dio. Non sapeva quando avrebbe trovato quella luce, ma il suo amore per Lui era così profondo che con grande coraggio e umiltà confidava, diceva di sì in ogni momento, si abbandonava e aspettava.

Spesso l’attesa ci scoraggia, ci frustra e ci fa dubitare. Per Madre Teresa aspettare significa avere la certezza che Dio agisce sempre e per il bene dei suoi figli.

Penso allora che la fiducia sia una scelta e che la possano compiere coloro che hanno fede e amore (anche se sono piccoli, più piccoli di un granello di senape).

2. Una prova non è lo stesso di una crisi di fede

Mère Teresa (1910-1997), religieuse albanaise et fondatrice des Missionnaires de la Charité, à un hospice à Calcutta (Inde) en 1969. © Terry Fincher/Gettyimages

Madre Teresa è stata una donna appassionatamente innamorata di Gesù. Nei primi anni della sua consacrazione aveva sperimentato quell’intimità con Lui. Poi è tutto scomparso, non perché lei volesse, ma perché Gesù ha voluto così.

Quello che ha vissuto non è stata una crisi della sua fede, ma una prova. Qual è la differenza? È il fatto che il suo desiderio di stare con Gesù è sempre stato lo stesso.

Ciò che voleva di più era amare Gesù, ed Egli ha voluto mostrarle che il modo migliore di farlo era continuare ad essere la sua sposa, ma sposa di un Gesù crocifisso. Un Gesù assetato e che vuole che Lo aiutiamo a placare la sua sete. Questa immagine esprime l’intensità del desiderio di Gesù per noi.

Come risposta a questo amore intenso, Madre Teresa ha voluto rispondere con tutto il suo essere e si è dedicata a “placare la sete di Gesù sulla Croce per amore e per le anime”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.