Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ogni volta che finiamo di pregare diciamo “Amen”. Perchè?

Condividi

E' un termine ebraico usato spesso nell'Antico e nel Nuovo Testamento, citato 70 volte nei Vangeli

I cristiani (come gli ebrei e i musulmani) del mondo dicono “Amen” innumerevoli volte al giorno, sia nella preghiera personale che nella liturgia. Per molte persone è ormai naturale pronunciare questa parola senza neanche pensarci. Per molte altre, purtroppo, non ha un senso particolare, e viene pronunciata solo perché si trova alla fine di una preghiera.

Questo termine ha tuttavia un profondo significato spirituale, che spesso viene trascurato.

Amen” è un termine ebraico usato spesso nell’Antico e nel Nuovo Testamento. Secondo Bible Study Tools, “la forma verbale si ritrova oltre un centinaio di volte nell’Antico Testamento… [e] quasi in 70 occasioni nei Vangeli”.

Quando lo utilizza Gesù

Anche Gesù, spesso, l’ha utilizzata durante le sue predicazioni. In genere viene tradotta come “in verità”. Infatti alla radice della parola “Amen” troviamo un’altra parola-cardine del messaggio messianico: il termine è “verità”, o comunque “conferma di una verità”. Nell’Antico Testamento, indica in genere una piena accettazione di ciò che si è espresso in precedenza. L’avverbio ebraico “ámén”, infatti, ha come significato “certamente”, “in verità”, o – ancor meglio – “così sia”. Etimologicamente è connesso con il verbo “ámán”, che significa “educare”.

Secondo la Catholic Encyclopedia, “quando Nostro Signore usa il termine ‘Amen‘ per introdurre una dichiarazione, sembra richiedere la fede dei suoi ascoltatori nella sua parola o nel suo potere”. In altre parole, Gesù cerca di suscitare un pieno assenso ai suoi insegnamenti da parte dei suoi seguaci, affermando al contempo la sua autorità divina (www.theologia.com).

Nel Vecchio Testamento

Per approfondire ulteriormente il suo potere spirituale, si può fare riferimento ad alcuni episodi del Vecchio Testamento. In particolare, riportiamo Neemia 8,6:

“E lei si alzò e si misero a pregare e a chiedere che venisse su di loro la salvezza, dicendo: “Signore, (…) degnati di aver misericordia di me e di lei e di farci giungere insieme alla vecchiaia. E dissero insieme: «Amen, amen!»”.

In alcune traduzioni latine l’“Amen, amen” originario è reso come “Fiat, fiat”. È una traduzione interessante, visto che il “Sì” della Madonna in occasione dell’Annunciazione è noto in latino come il suo “Fiat”, termine che indica l’umile obbedienza di Maria alla Parola di Dio. In questo contesto, “Amen” non si limita ad affermare ciò che è stato detto, ma è un pegno di fedeltà a Dio in umile sottomissione.

Durante la liturgia

Fin dai primi cristiani, fu adottata la parola “amen” nel contesto liturgico, assegnandola alla congregazione per affermare ciò che veniva detto o pregato. Da allora ha continuato ad essere una parte centrale della preghiera cristiana.

Nella liturgia, ad esempio, è usata come risposta dell’assemblea alla fine delle preghiere liturgiche: ha il significato di esprimere l’assentimento per ciò che si è detto e per augurio che la preghiera sia esaudita. Il suo significato si lega al concetto di affidamento. Certamente, uno dei “più importanti” (diciamo così) amen, lo pronunciamo proprio nel momento più alto della liturgia, quando riceviamo il Corpo di Cristo (sanfrancescopatronoditalia.it, 24 luglio).

[Ha collaborato Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.