Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconChiesa
line break icon

Ogni volta che finiamo di pregare diciamo “Amen”. Perchè?

Diocesi cattolica di Saginaw (Michigan, Stati Uniti) | CC BY-ND 2.0

Philip Kosloski - Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/07/19

E' un termine ebraico usato spesso nell'Antico e nel Nuovo Testamento, citato 70 volte nei Vangeli

I cristiani (come gli ebrei e i musulmani) del mondo dicono “Amen” innumerevoli volte al giorno, sia nella preghiera personale che nella liturgia. Per molte persone è ormai naturale pronunciare questa parola senza neanche pensarci. Per molte altre, purtroppo, non ha un senso particolare, e viene pronunciata solo perché si trova alla fine di una preghiera.

Questo termine ha tuttavia un profondo significato spirituale, che spesso viene trascurato.

Amen” è un termine ebraico usato spesso nell’Antico e nel Nuovo Testamento. Secondo Bible Study Tools, “la forma verbale si ritrova oltre un centinaio di volte nell’Antico Testamento… [e] quasi in 70 occasioni nei Vangeli”.

Quando lo utilizza Gesù

Anche Gesù, spesso, l’ha utilizzata durante le sue predicazioni. In genere viene tradotta come “in verità”. Infatti alla radice della parola “Amen” troviamo un’altra parola-cardine del messaggio messianico: il termine è “verità”, o comunque “conferma di una verità”. Nell’Antico Testamento, indica in genere una piena accettazione di ciò che si è espresso in precedenza. L’avverbio ebraico “ámén”, infatti, ha come significato “certamente”, “in verità”, o – ancor meglio – “così sia”. Etimologicamente è connesso con il verbo “ámán”, che significa “educare”.

Secondo la Catholic Encyclopedia, “quando Nostro Signore usa il termine ‘Amen‘ per introdurre una dichiarazione, sembra richiedere la fede dei suoi ascoltatori nella sua parola o nel suo potere”. In altre parole, Gesù cerca di suscitare un pieno assenso ai suoi insegnamenti da parte dei suoi seguaci, affermando al contempo la sua autorità divina (www.theologia.com).


CHRISTY PANTOCRATOR

Leggi anche:
Qual è il significato del nome “Gesù”?

Nel Vecchio Testamento

Per approfondire ulteriormente il suo potere spirituale, si può fare riferimento ad alcuni episodi del Vecchio Testamento. In particolare, riportiamo Neemia 8,6:

“E lei si alzò e si misero a pregare e a chiedere che venisse su di loro la salvezza, dicendo: “Signore, (…) degnati di aver misericordia di me e di lei e di farci giungere insieme alla vecchiaia. E dissero insieme: «Amen, amen!»”.

In alcune traduzioni latine l’“Amen, amen” originario è reso come “Fiat, fiat”. È una traduzione interessante, visto che il “Sì” della Madonna in occasione dell’Annunciazione è noto in latino come il suo “Fiat”, termine che indica l’umile obbedienza di Maria alla Parola di Dio. In questo contesto, “Amen” non si limita ad affermare ciò che è stato detto, ma è un pegno di fedeltà a Dio in umile sottomissione.


VIRGIN

Leggi anche:
Conoscete il significato dell’Ave Maria?

Durante la liturgia

Fin dai primi cristiani, fu adottata la parola “amen” nel contesto liturgico, assegnandola alla congregazione per affermare ciò che veniva detto o pregato. Da allora ha continuato ad essere una parte centrale della preghiera cristiana.

Nella liturgia, ad esempio, è usata come risposta dell’assemblea alla fine delle preghiere liturgiche: ha il significato di esprimere l’assentimento per ciò che si è detto e per augurio che la preghiera sia esaudita. Il suo significato si lega al concetto di affidamento. Certamente, uno dei “più importanti” (diciamo così) amen, lo pronunciamo proprio nel momento più alto della liturgia, quando riceviamo il Corpo di Cristo (sanfrancescopatronoditalia.it, 24 luglio).

[Ha collaborato Roberta Sciamplicotti]




Leggi anche:
Il significato di ogni richiesta che rivolgiamo nel Padre Nostro

Tags:
amengesù cristopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni