Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Prendo il sole sulla pelle o lascio che la Luce trasformi la mia anima?

WOMAN, SUN, BEACH

Daxiao Productions | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 23/07/19

Solo le risorse stupefacenti del Vangelo sono riuscite a farmi passare dalla preoccupazione momentanea sull'abbronzatura a una domanda davvero scottante: sono libera di mettermi davvero nelle mani di Dio?

“Sciogliersi al sole” è una delle espressioni che usiamo per descrivere il caldo opprimente dell’estate. Le previsioni meteo ci preannunciano giorni torridi, temperature che schizzano in alto e sole pieno. Al mare le spiagge sono piene di bagnanti sdraiati a prendere il sole, coperti di crema protettiva ma desiderosi di abbronzarsi. Il sole scotta, eppure è gradevole stendersi e mettere in pausa i pensieri e le mille frenetiche attività … stare a non far niente, godersi la luce che pizzica sulla pelle.


SEA, COUPLE, RELAX

Leggi anche:
Chesterton: “A volte non fare niente è uno dei più alti doveri dell’uomo”

Le vacanze sono necessarie, il corpo e la mente meritano una pausa e quindi anche il totale abbandono alla pura abbronzatura; un brulicare di corpi distesi e rilassati. Ma noi, esseri umani, siamo pannelli solari o candele?

Perdonerete l’irrompere di questa metafora spinta nel bel mezzo di un discorso su relax e vacanze. È stata un’intuizione che ha sorpreso anche me, mentre ero affaccendata a fare altro. Intendo “intuizione” come ipotesi che si spalanca nei pensieri e non come improvviso colpo di genio. Queste sorprese spesso e volentieri mi capitano quando c’è di mezzo il Vangelo. Sì, perché non è solo un modo di dire “la Sua Parola non passerà”; l’apparente semplicità dei racconti evangelici conosce il vero elisir di lunga vita, anzi di eternità: sono parole che più passa il tempo più sanno abbracciare e illuminare l’esperienza dell’umanità nel complesso, e di ogni singola persona nel suo particolare. Stupendo e misterioso.

Scottature superficiali

Solo una coincidenza poteva farmi associare spontaneamente, quanto imprevedibilmente, una giornata in piscina alla libertà umana che si consegna a Dio.


PATTINARE, MAMMA, FIGLIE

Leggi anche:
Le storture della nostra vita possono diventare occasioni

Qualche giorno fa meditavo sulla voglia smodata della mia figlia minore di trascorrere un po’ di tempo a tuffarsi da qualche parte, in mancanza del mare andava benissimo la piscina; riflettevo sulla mia poca voglia di trascorrere un fine settimana sotto il sole (“Perché gli altri si godono il solleone sdraiati e io dopo 5 minuti devo correre a ripararmi all’ombra?” pensavo). Nel frattempo il lavoro di redazione mi imponeva di fare i conti col Vangelo del giorno, che parlava sì di una luce accecante che scotta, ma capace non solo di abbronzare la superficie bensì di trasformare l’intera persona, da dentro. Questa luce potente è “il giogo leggero di Dio”, e ci arrivo a breve.

È stato questo collegamento estemporaneo a farmi pensare al nostro atteggiamento da spiaggia come a un’immagine che parla anche di una condizione umana frequente, non completamente disdicevole ma tutto sommato riduttiva. L’uomo sdraiato al sole (o la donna, eh … qui è un attimo essere accusati di sessismo) ci offre un’istantanea di disponibilità all’accoglienza: come un pannello solare, l’essere umano al mare è disponibile a ricevere la luce del sole sul massimo della superficie corporea a disposizione, ambisce a un’abbronzatura integrale. Non si muove, forse sonnecchia, le difese sono piuttosto abbassate, si lascia fare dai raggi solari.

Shutterstock

L’effetto complessivo, quando ben riuscito, è una doratura invidiabile che riguarda solo la pelle. Per ottenerla ci vuole un buon equilibrio di creme protettive e acque abbronzanti, un’esposizione curata e un’attenzione alle scottature. Si suda e ci si scurisce la pelle, è questo l’effetto del sole al mare. Altrettanta accortezza ci vuole a mantenere il colorito il più a lungo possibile, perché – ahimè – è superficiale. Volendo tradurre il nostro stile di vita marittimo in una metafora, si può dire che tante volte c’interessa fregiarci della bellezza della Luce solo in superficie.

Dio ha illuminato la mia vita, ed è una faccenda bellissima: lo faccio vedere agli altri, appuntandola come una medaglia sul petto; ne mostro l’effetto epidermico.  Ma la Sua Luce brucia molto più del sole, quanto sono disposto a lasciarmi scottare? Mi accontento di un cambiamento superficiale che col tempo scompare e non si è davvero infilato e infiltrato nella mia persona intera?


SUORE, PONTE, MARE

Leggi anche:
Sulle vie del Signore bisogna essere pronti a tutto

Una vita a lume di candela

Mi scocciava parecchio portare mia figlia in piscina e dovermi esporre al sole, vista la mia insofferenza ai raggi che bruciano. Il commento quotidiano al Vangelo ha alzato l’asticella delle ustioni possibili, portandomi a guardare, ammirata e commossa, l’intensità di una Luce che ha la presunzione di scioglierci davvero e di cambiarci dalle viscere alla punta dei capelli. Mi sono ritrovata a leggere la riflessione di un vescovo vissuto 16 secoli fa, Diadoco di Foticea … un nome a me sconosciuto. Possibile che dopo qualche riga me lo sentissi vicino come un caro amico? Possibile.

È il tipico scherzo delle cose cristiane: condividendo con altri uomini l’origine e il senso di tutto ci si scopre vicini e affratellati anche ad anni luce o millenni di distanza. Diadoco scrive, tentando di spiegare cos’è il giogo leggero di cui parla Gesù:

Per natura solo Dio è buono. Ma anche l’uomo diventa buono per la cura del suo agire, sulla via del vero bene, trasformandosi in ciò che non è, quando l’anima, preoccupata del bene, si unisce a Dio per quanto le facoltà che mette in opera lo vogliano. […] Ma si tratta di uno stato al quale nessuno arriva e nel quale nessuno resta se non quieta l’anima continuamente nel timore di Dio. (…) Come la cera non può ricevere il sigillo che si applica su di essa, se non è stata riscaldata o lavorata a lungo, così l’uomo non può portare il sigillo della virtù di Dio se non ha conosciuto la prova di pene e debolezze.

pixabay

La nostra disponibilità alla Luce dovrebbe essere struggente e non sdraiata. Dovrebbe struggersi come cera, e non stare semplicemente passivamente supino. Io temevo di bruciarmi la pelle al sole durante una giornata in piscina, poi – di botto – mi sono chiesta se nella vita mi lascio penetrare dalla Luce vera fino in fondo. Può sembrare un gesto estremo di remissività; la Luce di Dio è un fuoco che colpisce potente, brucia. Le circostanze della vita a cui diamo il nome di dolore, sofferenza, incomprensibile male, sono scottature radicali che hanno, talvolta, la capacità vertiginosa di renderci più disponibili alla voce del Padre. Alcune testimonianze autentiche di persone eroiche, eppure senza superpoteri, ci dicono di essere come candele, plasmati dalla chiamata luminosa di Dio dentro le avversità.


PAOLA NALDI

Leggi anche:
Paola: “Ho unito i puntini della mia vita, ci ho visto il disegno bellissimo di Dio”

A ben vedere quest’ipotesi è una scelta liberatoria, cioè capace di innescare la vera libertà umana. Tutt’altro che remissiva, anche se richiede una docilità totale. Ora capisco perché Dante insiste così tanto a ripetere le immagini di cera e di sigillo nel Paradiso. I veri beati sono candele, ma non solo perché hanno riverberato scintille di luce; innanzitutto perché si sono lasciati sciogliere, per portare poi la luce. Abbronzarsi in superficie è tollerabile e magari piacevole, ma chi è disposto a tollerare che la potenza della Luce superi l’epidermide, penetri nel corpo e nell’anima e ci cambi completamente?

Conciliare le colonne marmoree della nostra libertà con il desiderio di essere malleabili a ipotesi di compimento migliori di quelle escogitate dai nostri progetti è una sfida aperta in ogni nuovo giorno che sorge. È scottante, sì certo.

Tags:
luceparola di diovacanze
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni