Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
For Her

Nata sotto i proiettili in Sud Sudan, ora è una poetessa che canta l'esilio

BIGOA CHUOL, REFUGEE, SUD SUDAN

UNHCR | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 22/07/19

La propria voce, come espressione di un popolo intero e ferito. Ecco perché la poesia non è un gesto estetico degli eruditi, ma di gente che parla a nome di un “noi”, di un cuore plurale.

Sopravvissuti

“Terra” e “guerra” rimano a parole, ma lasciano aperta la ferita che esprimono. La poesia Birth water scritta da Bigoa Chuol sta circolando in giro per il mondo, l’ha scritta durante un seminario in Uguanda ed è la carta d’identità di una rifugiata che guarda la sua terra d’origine con lo stesso dolore con cui si fissa negli occhi un padre cattivo, il legame profondo resta anche nel pieno tumulto della violenza.

Per i padri che dormono coi fucili in mano,
ma non hanno mai abbracciato i figli: l’eredità non colma le distanze. Avete trasformato i nostri nomi in un peso che picchia sulla schiena, avete trasformato i nostri nomi in sabbia inghiottita dal mare.
army.jpg
https://pixabay.com/photos/africa-army-women-south-sudan-1331327/

C’è la vastità di un oceano tra l’Australia dove oggi Bigoa vive e l’Africa che le ha dato i natali. L’esilio è uno sradicamento che sottrae linfa vitale alla persona che lo subisce.


NIGERIA, ESEOSA, ORFANOTROFIO

Leggi anche:
La vocazione di Eseosa: tornare in Nigeria per costruire una casa a Dio

Come in ogni esperienza, spetta all’uomo farne un’occasione o una tragedia inconsolabile. Ogni ferita è un esilio, un allontanamento da qualcosa di irrecuperabile e forse l’inizio di qualcosa di nuovo. Ci sono due versi clamorosi nella poesia di Bigoa; clamorosi perché quando la poesia fa davvero il suo mestiere parla a ciascuno, dice qualcosa di vero per tutti.

Quando esplode la guerra, noi scappiamo
non ci portiamo dietro la nostra lingua.

Inizialmente li ho interpretati in modo brutale e negativo, poi ho riflettuto sul secondo verso. L’esule, il rifugiato, deve abbandonare la propria lingua d’origine, ricominciare a vivere in un paese che parla con parole tutte nuove da imparare. Ogni strappo ci allontana “dalla lingua che sappiamo parlare”, cioè dalle spiegazioni e dalle etichette che abbiamo dato a ciò che crediamo di conoscere. Ed è un dolore, perché la lingua natia è la lingua degli affetti. Quando Dante fu esiliato lasciò incompiute tutte le opere che stava scrivendo. Non si portò dietro la propria lingua, ne iniziò una nuova che oggi noi chiamiamo Divina Commedia.

Ecco allora che la storia di Bigoa non è solo la testimonianza di una rifugiata; la sua voce parla del nostro esilio radicale, perché nessuno di noi sarà a casa davvero finché non saremo tutti nella Casa del Padre. Ci è chiesta la fatica di lasciarci alle spalle le nostre parole note e coccolate, la disponibilità a fare nuovo il nostro rapporto con il vissuto del mondo ogni giorno, dopo ogni caduta, oltre le obiezioni delle nostre lacrime più sincere.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=mvXd6iP92RE&w=560&h=315%5D

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
donnepoesiarifugiati
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni