Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Se Dio cammina con noi per i campi in giorno di sabato…

HAND MAN FIELD

Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 19/07/19

Il Figlio dell'uomo compagno di strada insieme ai Suoi discepoli, il Suo volto che ci mostra quello del Padre: ed è misericordia. Ecco il nuovo culto che dobbiamo a Dio, ecco il nuovo Tempio. La Presenza di Cristo vince ogni formalismo.

In quel tempo, Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano.
Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato».
Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni?
Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti?
O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa?
Ora io vi dico che qui c’è qualcosa più grande del tempio.
Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa.
Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato». (Matteo, 12, 1-8)

Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato».

La pericolosa politica del formalismo la si può combattere tranquillamente con un formalismo più petulante. Ma questo gioco al massacro fa vincere solo chi usa di più la retorica. E Gesù usando le stesse armi dei farisei li mette al muro.

Ma la verità è un’altra e Gesù la dice alla fine del vangelo di oggi: “Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato”. Ciò che vince il formalismo non è la retorica ma la misericordia. Se le regole diventano più importanti delle persone allora quelle regole non danno più gloria a Dio. Se il sabato è più importante della sofferenza di una persona allora quel sabato non è più sacro ma abominevole. Una religione che diventa disumana non è più una religione ma un’ideologia. C’è un primato del cuore che non bisogna mai dimenticare.

E quando parlo di primato del cuore non sto parlando del primato dei sentimenti, ma del primato di quella parte di noi dove la verità la si incontra e la si propone senza deturpare il volto del fratello. Se scendessimo più nel cuore che nella sola testa o nella sola pancia, ci accorgeremmo di come in nome di Dio giustifichiamo una serie di bestialità che con Lui non hanno nulla a che fare. Il moralismo e il sentimentalismo sono due opposti che si assomigliano. Non il dito puntato, né il “volemose bene” danno culto a Dio, ma la misericordia. E la misericordia è la capacità di saper mettere il proprio cuore nella miseria delle persone. Saper amare nella miseria di un errore, di una caduta, di una fragilità. Amare per rialzare, per guarire, per riscattare. Amare per rendere possibile anche una relazione con Dio autentica.

[protected-iframe id=”b538d9348f23932238f0d5dd2f3a3f21-95521288-119775105″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FEpicoco%2Fposts%2F813560999086917&width=500″ width=”500″ height=”268″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

#dalvangelodioggi

Tags:
dalvangelodioggimisericordia
Top 10
See More