Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconStile di vita
line break icon

Che fare quando l’anima è stanca?

RELAX

Photo by Brooke Cagle on Unsplash

Orfa Astorga - pubblicato il 19/07/19

La stanchezza fisica, psichica e dell'anima sono anomalie che possono diventare così gravi da provocare in alcuni una depressione fatale

Nel mio studio assisto molte persone con conflitti collegati alla mancanza di vero riposo, soprattutto per via dell’incomprensione del valore umano e divino di questa necessità.

Una vita intensa senza un vero ordine e del tempo per tutto non è altro che agitata. Chi vive schiacciato dal lavoro se ne rende conto, mentre le preoccupazioni gli costellano la fronte di rughe e fanno brillare nei suoi occhi la durezza di chi non riposa mai.

Questo atteggiamento dimostra una verità valida per tutti: dobbiamo prenderci il tempo necessario a riposare e a riflettere, guardandoci intorno per sottrarci a ciò che è inutile e permetterci così di tornare alle regioni profonde dell’anima.

Bisogna riposare con la sicurezza di chi ha imparato a mettere la vita nelle mani di Dio e non nelle cose che si fanno e sono necessariamente soggette alla contingenza, al cambiamento.

In genere, però, le persone non solo non lo fanno, ma intensificano il loro lavoro per tradurlo in maggiore efficienza, produttività, successo e prestigio. Le conseguenze sono l’esaurimento fisico, psichico e morale, con una catena di rotture interne e in relazione agli altri.

E l’anima? Anche lei si stanca? Me lo hanno chiesto più volte.

Sì, certo, si stanca quando si lavora per lavorare e non per migliorare la nostra umanità dall’interno, contribuendo prima a migliorare le persone che ci circondano e in secondo luogo il mondo. Quando si perde questo ordine, si perde anche il vero senso dello sforzo e del riposo.

I tre livelli di motivazione

Per questo, il lavoro deve raggiungere tre livelli ascendenti di motivazione, senza ridurre il tempo del riposo a favore di altri obiettivi:

  • Primo: guadagnare il denaro necessario come mezzo di sussistenza.
  • Secondo: far raggiungere uno sviluppo personale e professionale.
  • Terzo livello, il più alto: farlo per gli altri e per Dio.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
animastanchezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni