Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che fare quando l’anima è stanca?

RELAX
Condividi

La stanchezza fisica, psichica e dell'anima sono anomalie che possono diventare così gravi da provocare in alcuni una depressione fatale

Nel mio studio assisto molte persone con conflitti collegati alla mancanza di vero riposo, soprattutto per via dell’incomprensione del valore umano e divino di questa necessità.

Una vita intensa senza un vero ordine e del tempo per tutto non è altro che agitata. Chi vive schiacciato dal lavoro se ne rende conto, mentre le preoccupazioni gli costellano la fronte di rughe e fanno brillare nei suoi occhi la durezza di chi non riposa mai.

Questo atteggiamento dimostra una verità valida per tutti: dobbiamo prenderci il tempo necessario a riposare e a riflettere, guardandoci intorno per sottrarci a ciò che è inutile e permetterci così di tornare alle regioni profonde dell’anima.

Bisogna riposare con la sicurezza di chi ha imparato a mettere la vita nelle mani di Dio e non nelle cose che si fanno e sono necessariamente soggette alla contingenza, al cambiamento.

In genere, però, le persone non solo non lo fanno, ma intensificano il loro lavoro per tradurlo in maggiore efficienza, produttività, successo e prestigio. Le conseguenze sono l’esaurimento fisico, psichico e morale, con una catena di rotture interne e in relazione agli altri.

E l’anima? Anche lei si stanca? Me lo hanno chiesto più volte.

Sì, certo, si stanca quando si lavora per lavorare e non per migliorare la nostra umanità dall’interno, contribuendo prima a migliorare le persone che ci circondano e in secondo luogo il mondo. Quando si perde questo ordine, si perde anche il vero senso dello sforzo e del riposo.

I tre livelli di motivazione

Per questo, il lavoro deve raggiungere tre livelli ascendenti di motivazione, senza ridurre il tempo del riposo a favore di altri obiettivi:

  • Primo: guadagnare il denaro necessario come mezzo di sussistenza.
  • Secondo: far raggiungere uno sviluppo personale e professionale.
  • Terzo livello, il più alto: farlo per gli altri e per Dio.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.