Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

La santa che non pensava che la sua avventura di una notte sarebbe stata vista da Dio

THEODORA OF ALEXANDRIA

Public Domain

Philip Kosloski - pubblicato il 18/07/19

Santa Teodora si pentì amaramente di aver tradito il marito pensando che la notte coprisse il suo comportamento sbagliato

Quando cala la notte, in qualche modo è molto più facile peccare. Siamo tentati di pensare che l’oscurità “nasconda” il nostro peccato e che Dio non veda quello che facciamo.

È esattamente quello che credeva Santa Teodora, pensando onestamente che l’oscurità l’avrebbe nascosta da Dio.

Santa Teodora visse ad Alessandria nel V secolo e cercò di vivere onestamente e vicina a Dio. Era sposata con un brav’uomo, anche lui fedele cristiano.

Il diavolo riconobbe la santità di Teodora e le inviò molte tentazioni, facendo sì che un uomo ricco le mandasse dei doni nella speranza che alla fine avesse rapporti sessuali con lui.

All’inizio le tentazioni non servirono, ma poi la natura ingenua di Santa Teodora prevalse quando un’altra donna le disse: “Dio sa e vede tutto ciò che viene fatto di giorno, ma non vede qualsiasi cosa venga commessa dal tramonto”.

Teodora cedette allora ai desideri dell’altro uomo ed ebbe con lui un’avventura di una notte.

Al mattino l’uomo se ne andò, e quando il marito tornò da un viaggio Teodora pianse amaramente per quello che aveva fatto. Non gli disse cosa fosse successo mentre lui era via, correndo invece al monastero più vicino.

Piena di vergogna per ciò che aveva fatto, cambiò i suoi abiti e si tagliò i capelli, unendosi al monastero come uomo. Vi trascorse vari anni come penitenza per il peccato che aveva commesso.

La sua vita era molto difficile, soprattutto quando vedeva per strada il marito, anche se lui non la riconosceva. Provava troppa vergogna per rivelarglisi, e trascorse il resto della sua esistenza vita lontana da lui.


SAINT FLORENTINA

Leggi anche:
Santa Florentina di Cartagena, la religiosa che ispirò una delle prime regole monastiche femminili

Quando Teodora morì, il marito venne ispirato da Dio ad andare nel monastero e rivelò all’abate che “fratello Teodoro” era in realtà sua moglie. In seguito trascorse il resto della vita nella cella che aveva occupato la moglie.

La storia di Santa Teodora ci ricorda che anche i santi possono commettere degli errori. Non sono sempre stati individui perfetti, e le loro scelte non sono state sempre le migliori. L’aspetto per cui si distinguono è il desiderio di realizzare la volontà di Dio e di superare le proprie debolezze per condurre una vita virtuosa.

Ciò non significa che dobbiamo correre al monastero più vicino ogni volta che pecchiamo, ma che dobbiamo ricorrere a Dio chiedendone il perdono.

La buona notizia è che Dio ci accoglierà con gioia tra le sue braccia amorevoli, come il figliol prodigo di cui Gesù parla nei Vangeli. Dio è sempre lì ad aspettarci, dobbiamo semplicemente allontanarci dal peccato e correre da Lui.

La tragica storia di Santa Teodora ci ricorda anche che la notte non copre i nostri peccati. Un’avventura di una notte può sembrare la cosa “giusta” da fare sul momento, ma quando il giorno rinasce la luce di Dio illumina i nostri peccati e rivela i cattivi frutti che portano.

Impariamo dall’errore di Santa Teodora e cerchiamo di non commetterne in futuro, e se al mattino ci ritroviamo a rimpiangere qualcosa che abbiamo fatto la notte precedente andiamo nella chiesa più vicina e riconciliamoci con Dio, che è lì ad aspettarci, pronto a risollevarci come un padre amorevole e a rimetterci sulla giusta via che porta a Lui.

Tags:
diopeccatisantatradimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni