Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconNews
line break icon

I ricercatori cercano di provare scientificamente l’esistenza dell’anima

LUMINOUS BRAIN PODCAST

Luminous Brain Podcast | Facebook | Fair Use

J.P. Mauro - pubblicato il 18/07/19

Un team di studiosi crede che le opere degli antichi filosofi possano essere utili a questo scopo

Per migliaia di anni, i fedeli devoti sono stati disposti a sacrificare la propria vita mortale, credendo fermamente nella vita eterna attraverso mezzi spirituali. Ci sono, tuttavia, anche coloro che non credono, o che non riescono a fare un salto di fede di fronte alla domanda “L’anima umana esiste?”

Si tratta di una domanda antica quando la religione istituzionalizzata e che ha messo alla prova la comunità scientifica per centinaia di anni, ma ora uno neuroscienziato della Ivy League e un team dei suoi colleghi stanno cercando di rispondere a questa domanda e di provare che l’anima non è solo una teoria ipotetica, quanto piuttosto un concetto scientifico.

Michael A. Ferguson, Ph.D., ha spiegato che lui e il suo team stavano studiando la decomposizione architettonica dei modelli funzionali del cervello umano quando è rimasto colpito da una correlazione tra i dati osservati e le opere filosofiche di Aristotele sull’anima umana.

Ferguson ha riferito a Religion News:

“Aristotele pensa che le facoltà sensoriali nell’anima umana diano adito a memoria e immaginazione, che a loro volta danno adito alle facoltà intellettive, che a loro volta esercitano un controllo sulle facoltà a livello di impulso. Le correlazioni tra la nostra serie di componenti di connettoma e la serie di facoltà dell’anima di Aristotele mi hanno colpito come un fulmine”. “Il modello del filosofo di un asse che passa dall’aspetto sensibile a quello dell’immaginazione e a quello intellettivo è esattamente quello che avevamo visto nella nostra soluzione neurobiologica della rete sensoriale primaria, del default mode network e delle configurazioni del network di intelligence. Non ho potuto non chiedermi in cos’altro abbia indovinato”.


PRAYING

Leggi anche:
Cosa accade nel cervello quando preghiamo?

Per proporre un’argomentazione formale per l’esistenza dell’anima, Ferguson ha riunito un team di educatori e ricercatori nei campi della medicina, della neuroscienza, della filosofia e dell’arte, che presenteranno le loro conclusioni in un incontro presso il The Joseph B. Martin Conference Center della Harvard Medical School il 3 agosto prossimo. Ulteriori informazioni e materiale di studio si possono trovare sul sito web del team, Soul and Brain.

Il dottor Ferguson e il suo team credono che l’evento darà il via a un dialogo importante, che a sua volta promuoverà una ricerca fruttuosa sull’argomento. Spiega Ferguson:

“La mia ipotesi è che i principi del realismo trascendentale – bellezza, giustizia, verità, bontà – non siano semplicemente schiuma che fluttua sulla superficie del mare, ma fonti della gravità lunare, per così dire, che provocano le onde stesse. Se è vero che i principi trascendentali esercitano una sorta di gravità evolutiva espressa nella forma e nella funzione della nostra neurofisiologia umana, allora l’organismo umano può legittimamente essere identificato come specie spiritualmente animata”.

Ferguson si è già guadagnato l’attenzione con la sua Your Brain on God, che riportiamo qui sotto e in cui ha analizzato il cervello dei credenti mentre pregavano, ascoltavano indicazioni religiose ed erano esposti a immagini di fede.

Se volete partecipare all’evento del 3 agosto, potete prenotare i biglietti qui.

Tags:
animascienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni