Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come scegliere i padrini per la Cresima e i testimoni del matrimonio

Artur Nowacki/Flickr
Condividi

Non sono persone che servono per “decorare” l’altare

Alcuni sacramenti della Chiesa ci permettono di scegliere dei padrini, ma non sempre consideriamo quello che secondo la Chiesa è l’aspetto fondamentale per compiere questa scelta. Oltre a questo, a volte non compiamo bene il nostro ruolo di figliocci.

Per comprendere meglio la questione, abbiamo parlato con il sacerdote Camilo Junior, membro della Commissione Jovens de Maria. Ecco cosa ci ha detto.

Come scegliere i padrini

Nella nostra esperienza di fede, i padrini sono coloro che devono aiutarci a camminare con Cristo e ad assimilare i valori di Gesù nella nostra vita. Sono importanti perché ricevono non solo un titolo, ma anche una missione che Dio ha affidato loro.

Per questo, bisogna comprendere gli aspetti fondamentali di questa scelta:

Confermazione: la scelta non si può realizzare solo perché la persona è amica, è simpatica e ci troviamo bene con lei. Dev’essere qualcuno che per noi sia un punto di riferimento nella fede, una persona che al di là di tutto vive la fede in comunità e ci aiuterà, da confermati, a dare testimonianza e a perseverare nella consacrazione della nostra vita che un giorno, da bambini, i nostri genitori e i nostri padrini di Battesimo ci hanno dato.

Il ruolo del figlioccio o degli sposi

Come i padrini e i testimoni dovrebbero dedicarsi ad essere una presenza nella vita dei figliocci o degli sposi, anche questi ultimi devono cercare di essere presenti nella vita dei padrini e dei testimoni.

È importante che anche se non scegliamo i padrini di Battesimo capiamo che attraverso di loro la grazia di Dio è giunta nella nostra vita, e che attraverso di loro questa grazia continuerà ad arrivare a noi. Per questo, dobbiamo avere due atteggiamenti nei loro confronti:

Chiederne la benedizione – Ogni volta che chiediamo la benedizione ai padrini stiamo rinnovando la grazia di Dio presente in noi attraverso il sacramento che abbiamo ricevuto, del quale sono stati testimoni.

Chiederne e ascoltarne il consiglio – Se scegliamo i padrini per testimoniare un dono di Dio nella nostra vita nei sacramenti, dobbiamo metterci con grande umiltà nelle loro mani, perché hanno il potere e la missione sacra di benedirci. In questo modo possono guidarci di fronte a una scelta, di fronte a una rinuncia nella vita e anche in un momento in cui abbiamo bisogno di una correzione.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni