Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Santi Luigi Versiglia e Callisto Caravario
home iconSpiritualità
line break icon

Trova Dio dove forse non lo hai cercato

DZIEWCZYNKA, KOT

YouTube

padre Carlos Padilla - pubblicato il 16/07/19

Se non amo me stesso, cosa rimane al resto?

La misura in cui amo non è la migliore. In me comanda il mio amor proprio. Il mio orgoglio cerca di vincere in tutte le battaglie. Ma non è sufficiente.

Ho bisogno di amarmi bene, di rispettare i miei tempi. Di lodare Dio per tutto ciò che di buono fa in me. Quando riesco ad avere una grande misura dell’amore per me stesso, di un amore sano, sono più capace di amare gli altri.

La misura del mio amore è scarsa. Per ampliare l’anima ho bisogno di un amore generoso. Di uno sguardo più profondo. Di uno sguardo che avvicini e non allontani.

Quando il mio amore è scarso e povero vedo tutti troppo lontani. Vivo esigendo di essere assistito, cercato, amato. Vivo aspettando che gli altri prendano l’iniziativa e si comportino come spero e mi aspetto.

“Chi è il mio prossimo?” Commenta Papa Francesco: “Chiudere gli occhi di fronte al prossimo rende ciechi anche di fronte a Dio”.

Il mio amore per Dio e quello per il prossimo sono uniti. Dico di amare Dio con tutta l’anima, ma poi disprezzo il prossimo. Non lo vedo. O lo vedo troppo lontano perché possa preoccuparmi.

Padre Josef Kentenich si chiedeva: “Come imparare di nuovo ad amare correttamente Dio e il prossimo? E dall’altro lato, come imparare ad amare di nuovo con un sano amore filiale?”

L’amore per Dio e per l’uomo sono così uniti… L’amore per Dio e l’amore per se stessi. Un amore sano che mi tira fuori dalla mia oscurità e dalla mia freddezza.

Commenta Papa Francesco: “Coloro che hanno desideri spirituali profondi non devono sentire che la famiglia li allontana dalla crescita nella vita dello Spirito, ma che è un percorso che il Signore utilizza per portarli ai vertici dell’unione mistica”.

L’amore per l’uomo che è prossimo mi avvicina a Dio. L’amore per il Dio che dimora nella mia anima mi avvicina all’uomo. L’amore deve avvicinarmi.

Sono io a muovermi dentro di me per avvicinarmi all’altro. Sono io quello che si avvicina o si allontana.

AMICIZIA
Shutterstock

Ci sono persone così ferite nel loro amore che vedono gli altri da lontano, non sentendosi amati, e allontanandoli dalla loro vita allontanano con dolore la possibilità di sentirsi amati.

È un paradosso. Volendo essere amati non amano. Volendo stare vicini si allontanano. Anziché amare disprezzano. In fondo non si amano e sentono che nessun altro potrà mai amarli.

La vicinanza e la distanza sono il gioco che ha luogo nella mia anima. Ho tante persone vicine, e altre lontane che vorrei avvicinare. Ma a volte non ci riesco.

Il mio rancore, il mio egoismo, la mia fretta, le mie paure sono i motivi che mi allontanano dal prossimo. Lo tengono a distanza perché non mi infastidisca. Perché non mi tolga la pace e la tranquillità della mia vita.

La distanza aiuta a vivere tranquilli. La vicinanza è scomoda. In base a quello che scelgo nella vita sarò felice o infelice.

Se scelgo la distanza soffrirò meno, amerò meno, crescerò meno. Se scelgo la vicinanza soffrirò di più, amerò di più e la mia anima si amplierà e sarà più profonda.

Dipende da me. Dalla mia capacità di avvicinare o allontanare. Dal mio atteggiamento per avvicinarsi a chi è lontano e renderlo prossimo. Dalla mia capacità di amare attirando.

Dipende dal mio modo di guardare gli altri. Dalle mie paure e dalle mie barriere. Da tutto ciò che mi fa sentire rifiutato o allontanato dagli uomini.

  • 1
  • 2
Tags:
dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni