Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Dopo aver letto questa meditazione non pregherete mai più il Padre Nostro allo stesso modo

Catholic Link - pubblicato il 11/07/19

di Pablo Perazzo

Questo fine settimana ho avuto la benedizione di animare un ritiro per signori della Confraternita di Nostra Signora della Riconciliazione sulla preghiera del Padre Nostro. Voglio condividere qualche esperienza spirituale che ho avuto, visto che è stato molto speciale. Ho potuto sentire la dolce azione dello Spirito Santo, come la brezza che ha sentito Elia quando era nella grotta del monte Oreb aspettando la voce di Dio (1 Re 19, 3-15). Inizierò parlando delle frasi di questa preghiera e meditando sull’importanza di ogni parola.

“Padre Nostro”

In primo luogo, il “Padre Nostro” che recitiamo praticamente ogni giorno non va pregato come tante altre preghiere che recitiamo di solito. È l’unica preghiera che Gesù ha insegnato ai suoi apostoli. Con le prime due parole, “Padre Nostro”, Gesù già ci insegna qualcosa di insolito e inimmaginabile per qualsiasi ebreo dell’epoca. Sappiamo che gli ebrei non potevano pronunciare il nome di Dio. Anche Mosè, ad esempio, quando doveva liberare il popolo ebraico dal faraone gli chiese come chiamarlo se qualcuno gli avesse chiesto chi lo inviava. Non si azzardava a dargli un nome (“Io sono colui che sono”, Esodo 3, 14).

Per gli ebrei, inoltre, il nome significava l’identità stessa della persona. Quando Gesù dice quindi “Padre Nostro”, non sta solo dicendo come riferirsi a Dio, ma esplicita il fatto che Egli è nostro Padre, una cosa che nessuno sarebbe mai in grado di immaginare. Dio è il Creatore e ci ha creati a sua immagine e somiglianza (Genesi 1, 26ss), ma in Cristo, per mezzo dello Spirito Santo, sappiamo ora che Dio è davvero nostro Padre. “Se siamo figli, siamo anche eredi; eredi di Dio e coeredi di Cristo, se veramente soffriamo con lui, per essere anche glorificati con lui” (Romani 8, 17).

“Sia santificato il tuo nome”

Come diciamo “Sia santificato il tuo nome”, anche noi siamo santi. Se nostro padre è santo, lo siamo anche noi, ma questo implica uno sforzo quotidiano da parte nostra, una lotta costante per essere sempre più come Gesù Cristo, Figlio del Padre. Come dice San Paolo, “non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me” (Galati 2, 20). Per questo, come vediamo in varie citazioni, siamo chiamati ad essere santi come Lui è santo o perfetti come il Padre è perfetto (Levitico 11, 44 / Matteo 5, 48 / 1 Pietro 1, 16).

“Venga il tuo Regno”

Grazie a Gesù, il Regno Eterno di Dio è già in mezzo a noi. È la Chiesa – ovvero tutti noi in comunione con Cristo – a dover proclamare e diffondere il Regno a tutti i popoli. Ce lo ha detto il Signore Gesù prima di salire in Cielo (Matteo 28, 19). Per questo, ciascuno di noi è chiamato all’apostolato, a predicare senza paura la Parola del Signore, la Buona Novella, perché tutti possano conoscere la gioia del Regno eterno di Dio. La cosa più bella di tutto questo è sapere che il Regno inizia nel cuore di ciascuno di noi. Il Regno si estende qui sulla Terra, nella misura in cui ciascuno permette che la vita di Cristo instauri il suo amore in ogni cuore.

Questo Regno è il Regno dell’amore. Il potere che ci ha mostrato Cristo è il servizio. Si tratta quindi di un Regno radicalmente diverso da come intendiamo il potere tra di noi. Per Dio è la carità che diventa concreta attraverso il servizio ai fratelli, in modo privilegiato ai più bisognosi – è il potere di Dio.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
meditazionepadre nostropreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni