Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa vuol dire “costruire la casa sulla roccia”?

STABILIZACJA
Luke Stackpoole/Unsplash | CC0
Condividi

Siamo noi a costruire la nostra vita. Dio ci concede la grazia, ma non compie le opere al posto nostro

I capitoli 5-7 del Vangelo di San Matteo sono noti come Discorso della Montagna. La narrazione inizia con le beatitudini, discorso in cui Gesù esalta l’amore e l’umiltà e il fatto che malgrado le difficoltà di questa vita chi persevera nella fede avrà una ricompensa presso Dio. Nel capitolo 5 e nei due successivi, Gesù parla della misericordia del Padre e ci mette in guardia sul fatto di vivere questi insegnamenti.

In conclusione dice:

“Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma essa non è caduta, perché era fondata sulla roccia. E chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica sarà paragonato a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno fatto impeto contro quella casa, ed essa è caduta e la sua rovina è stata grande” (Matteo 7, 24-27).

Da questo passo possiamo imparare molto. Non basta ascoltare le parole di Gesù, bisogna fare ciò che Egli ha insegnato per raggiungere la vita piena.

Un altro punto importante è il modo in cui Gesù spiega i suoi insegnamenti, mostrando chiaramente che siamo noi a costruire la nostra vita. Dio ci concede la grazia, ma non compie le opere per noi.

Bisogna sottolineare che questa costruzione è fatta con azioni coerenti con il Vangelo, ossia praticando l’amore e la misericordia, come Gesù si aspetta. Solo così avremo una casa solida e sicura.

Mettere in pratica gli insegnamenti di Gesù non è la garanzia di una vita facile, esente dai problemi. Sia l’uomo sensato che quello insensato di questo passo evangelico hanno affrontato le stesse difficoltà: “La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa”.

Quello che cambia è il risultato finale. La ricompensa per chi ascolta le parole di Gesù e le mette in pratica è superare le difficoltà e avvicinarsi alla santità. Chi non pratica l’amore subirà le conseguenze di una vita lontana da Dio.

E se resta qualche dubbio su quale sia la volontà divina, basta ricordare un prezioso consiglio di Gesù:

“Tutte le cose dunque che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele anche voi a loro” (Matteo 7, 12).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.