Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Cardinale venezuelano denuncia: “La dittatura di Maduro perseguita la Chiesa cattolica”

BALTAZAR PORRAS

Foto: Jose Cohen

Aleteia - pubblicato il 11/07/19

“La Chiesa ha avuto il coraggio di indicare i difetti di questo regime, che ha generato un conflitto sociale in crescita”


Il cardinale Baltazar Porras, amministatore apostolico di Caracas e arcivescovo di Mérida, in Venezuela, ha affermato in una riunione con la Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) che la Chiesa cattolica è perseguitata dal regime dittatoriale di Nicolás Maduro perché mantiene un atteggiamento deciso di difesa del popolo venezuelano di fronte agli errori del Governo, che hanno generato e aggravato la crisi sociale, economica, politica e morale che affligge il Paese.

Il porporato ha denunciato, ad esempio:

  • le restrizioni imposte dal regime ai centri educativi cattolici: “Sembra che cerchino di porre degli ostacoli perché la Chiesa chiuda le sue scuole”;
  • gli attacchi del regime contro le parrocchie, mediante i “consigli comunali e i gruppi pro-Governo chiamati ‘collettivi’”, che nelle zone popolari di Caracas “restano alla porta delle parrocchie per ascoltare cosa dice il sacerdote nell’omelia: se non l’apprezzano, iniziano le minacce”;
  • le continue pressioni “sottili” perché la Chiesa non critichi pubblicamente il Governo;
  • le minacce verbali e la persecuzione contro opere sociali come la Caritas, che è arrivata a subire perfino la confisca di medicinali destinati alla donazione.

Il cardinale ha sottolineato anche la resistenza e la resilienza della Chiesa di fronte alla persecuzione:

“La Chiesa è l’unica istituzione a rimanere incolume, grazie alla vicinanza alle persone e alla presenza in tutti gli ambienti. Oltre a questo, la Chiesa ha avuto il coraggio di indicare i difetti di questo regime, che ha generato un conflitto sociale in crescita”.

Circa la fuga di massa dei venezuelani dalla propria terra, ha commentato:

“Le persone se ne vanno per via della situazione economica, dei loro ideali politici, altri per la persecuzione che esiste nel Paese. L’apparato economico è praticamente distrutto. C’è carenza di impiego e di assistenza sanitaria. Gli esperti definiscono tutto questo economia di guerra”.

Circa la situazione in Venezuela se la Chiesa cattolica non fosse presente nel Paese, il cardinale ha affermato:

“La situazione sarebbe peggiore e si aggraverebbe per molte persone. Noi che siamo rimasti sentiamo la mancanza di compagnia e soffriamo perché molti che se ne sono andati non vivono una situazione positiva. Il Venezuela sta diventando un problema geopolitico che interessa altri Paesi. Ci sono già 4 milioni di Venezuelani fuori dal Paese: 1,5 milioni in Colombia; 700.000 in Perù; 400.000 in Cile, 500.000 in Florida, e si dice che la metà di loro non abbia documenti; molti altri si trovano in altri Paesi d’America e d’Europa. È molto triste”. Si stima che 168.000 Venezuelani si siano rifugiati in Brasile.

Nel rapporto diffuso a giugno, stimando in 4 milioni il totale dei rifugiati venezuelani all’estero, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR) hanno reso noto che si tratta del secondo gruppo sfollato nel pianeta dopo i rifugiati siriani, che ammontano a 5,6 milioni.

Tags:
cardinalechiesa cattolicadittaturapersecuzionevenezuela
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni