Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Papa: i migranti sono essere umani, Gesù ci chiede di amarli e rialzarli

POPE AUDIENCE JUNE 26; 2019
Condividi

"Sono gli ultimi ingannati e abbandonati a morire nel deserto; sono gli ultimi torturati, abusati e violentati nei campi di detenzione"

«In questo sesto anniversario della visita a Lampedusa, il mio pensiero va agli “ultimi” che ogni giorno gridano al Signore, chiedendo di essere liberati dai mali che li affliggono».

Si è espresso così, questa mattina, Papa Francesco nella Basilica vaticana in occasione della Messa che egli stesso ha voluto presiedere per ricordare la sua visita nel 2013, sull’isola simbolo dei migranti.

Gesù chiede di amarli e rialzarli

Alla liturgia ha partecipato anche una delegazione di migranti. Questi, secondo il Papa «sono gli ultimi ingannati e abbandonati a morire nel deserto; sono gli ultimi torturati, abusati e violentati nei campi di detenzione; sono gli ultimi che sfidano le onde di un mare impietoso; sono gli ultimi lasciati in campi di un’accoglienza troppo lunga per essere chiamata temporanea. Essi sono solo alcuni degli ultimi che Gesù ci chiede di amare e rialzare».

VENEZUELA
©UNICEF/ECU/2018/Arcos (CC BY 2.0)

“Sono persone…”

«Nello spirito delle Beatitudini – evidenzia Francesco – siamo chiamati a consolare le loro afflizioni e offrire loro misericordia; a saziare la loro fame e sete di giustizia; a far sentire loro la paternità premurosa di Dio; a indicare loro il cammino per il Regno dei Cieli».

Il Papa ha puntato l’indice, in tutto l’intervento, sull’aspetto umano. «Sono persone, non si tratta solo di questioni sociali o migratorie! “Non si tratta solo di migranti!”, nel duplice senso che i migranti sono prima di tutto persone umane, e che oggi sono il simbolo di tutti gli scartati della società globalizzata».

Corridoi umanitari e strage in Libia

Durante l’angelus di domenica 7 luglio, invece, Francesco aveva parlato di come risolvere il dramma migranti per evitare nuove stragi come quella avvenuta qualche giorno fa in Libia. Nel Paese nordafricano hanno perso la vita oltre cento migranti dopo un attacco aereo contro un centro di detenzione, dove erano stati ammassati.

«Auspico che siano organizzati in modo esteso e concertato i corridoi umanitari per i migranti più bisognosi», aveva detto il Papam invitando «a pregare per le povere persone inermi uccise o ferite dall’attacco aereo».

«La comunità internazionale – aveva sentenziato il Papa – non può tollerare fatti così gravi».

“Non vale il limite delle acque territoriali”

«Quando si tratta della povertà e della diseguaglianza non vale il limite delle acque territoriali o dela zona Sar di competenza», ha scritto L’Osservatore Romano (6 luglio) in un editoriale dedicato alla questione dei migranti.

OPEN ARMS
Olmo Calvo-Open Arms

Il giornale della Santa Santa ha evidenziato che il tema migranti «è diventato un problema prima di tutto per colpa dell’Unione Europea, incapace di dimostrarsi all’altezza dei valori sui quali è stata fondata e di modificare norme che lasciano nelle mani di pochi il cerino di questa responsabilità. Lo spettacolo dei negoziati che si aprono per ‘ricollocare’ 30 o 40 migranti è umiliante».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.