Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Il Papa: i migranti sono essere umani, Gesù ci chiede di amarli e rialzarli

POPE AUDIENCE JUNE 26; 2019

Antoine Mekary | ALETEIA | i.Media

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/07/19

"Sono gli ultimi ingannati e abbandonati a morire nel deserto; sono gli ultimi torturati, abusati e violentati nei campi di detenzione"

«In questo sesto anniversario della visita a Lampedusa, il mio pensiero va agli “ultimi” che ogni giorno gridano al Signore, chiedendo di essere liberati dai mali che li affliggono».

Si è espresso così, questa mattina, Papa Francesco nella Basilica vaticana in occasione della Messa che egli stesso ha voluto presiedere per ricordare la sua visita nel 2013, sull’isola simbolo dei migranti.

Gesù chiede di amarli e rialzarli

Alla liturgia ha partecipato anche una delegazione di migranti. Questi, secondo il Papa «sono gli ultimi ingannati e abbandonati a morire nel deserto; sono gli ultimi torturati, abusati e violentati nei campi di detenzione; sono gli ultimi che sfidano le onde di un mare impietoso; sono gli ultimi lasciati in campi di un’accoglienza troppo lunga per essere chiamata temporanea. Essi sono solo alcuni degli ultimi che Gesù ci chiede di amare e rialzare».

VENEZUELA
©UNICEF/ECU/2018/Arcos (CC BY 2.0)

“Sono persone…”

«Nello spirito delle Beatitudini – evidenzia Francesco – siamo chiamati a consolare le loro afflizioni e offrire loro misericordia; a saziare la loro fame e sete di giustizia; a far sentire loro la paternità premurosa di Dio; a indicare loro il cammino per il Regno dei Cieli».

Il Papa ha puntato l’indice, in tutto l’intervento, sull’aspetto umano. «Sono persone, non si tratta solo di questioni sociali o migratorie! “Non si tratta solo di migranti!”, nel duplice senso che i migranti sono prima di tutto persone umane, e che oggi sono il simbolo di tutti gli scartati della società globalizzata».




Leggi anche:
La Civiltà Cattolica contro i populisti: diffondete false credenze sui migranti

Corridoi umanitari e strage in Libia

Durante l’angelus di domenica 7 luglio, invece, Francesco aveva parlato di come risolvere il dramma migranti per evitare nuove stragi come quella avvenuta qualche giorno fa in Libia. Nel Paese nordafricano hanno perso la vita oltre cento migranti dopo un attacco aereo contro un centro di detenzione, dove erano stati ammassati.

«Auspico che siano organizzati in modo esteso e concertato i corridoi umanitari per i migranti più bisognosi», aveva detto il Papam invitando «a pregare per le povere persone inermi uccise o ferite dall’attacco aereo».

«La comunità internazionale – aveva sentenziato il Papa – non può tollerare fatti così gravi».


LIBYA

Leggi anche:
Bassetti: porti aperti e soccorsi ai migranti. E bacchetta il decreto sicurezza

“Non vale il limite delle acque territoriali”

«Quando si tratta della povertà e della diseguaglianza non vale il limite delle acque territoriali o dela zona Sar di competenza», ha scritto L’Osservatore Romano (6 luglio) in un editoriale dedicato alla questione dei migranti.

OPEN ARMS
Olmo Calvo-Open Arms

Il giornale della Santa Santa ha evidenziato che il tema migranti «è diventato un problema prima di tutto per colpa dell’Unione Europea, incapace di dimostrarsi all’altezza dei valori sui quali è stata fondata e di modificare norme che lasciano nelle mani di pochi il cerino di questa responsabilità. Lo spettacolo dei negoziati che si aprono per ‘ricollocare’ 30 o 40 migranti è umiliante».




Leggi anche:
I migranti nel Magistero dei Papi del passato

Tags:
migrantipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni