Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sette figli, idee chiare su maternità e coppie gay: ecco chi è la nuova Commissaria Europea

Jette Carr; Staff Sgt.; USAF | (DOD photo by U.S. Air Force Sta
Ursula von der Leyen, ministre allemande de la Défense.
Condividi

Ursula von der Leyen, 60 anni, già Ministro per la Famiglia in Germania, è stata indicata come prossima presidente della Commissione Europea

Il Consiglio Europeo, l’organo che riunisce i capi di stato e di governo dell’Unione Europea, ha indicato la tedesca Ursula von der Leyen come prossima presidente della Commissione Europea, incarico al momento ricoperto da Jean-Claude Juncker. La nomina di Von der Leyen dovrà essere ratificata dal Parlamento Europeo, ma non dovrebbero esserci sorprese.

Von der Layen dovrebbe subentrare a Juncker l’1 novembre, insieme ai commissari che verranno selezionati nelle prossime settimane. Se von der Leyen otterrà l’incarico, sarà prima donna a ricoprire la carica di presidente della Commissione Europea.

FREDERICK FLORIN / AFP
Ursula Von Der Leyen

Un medico in politica

Von der Leyen ha 60 anni ed è nata vicino a Bruxelles, in Belgio: suo padre lavorava come funzionario di alto livello alla Commissione Europea. Ha studiato medicina e a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta ha lavorato in una clinica di Hannover, in Germania. È entrata in politica nei primi anni Duemila con la CDU, il partito centrista di Angela Merkel. Ricopre ruoli di governo dal 2005: in particolare è stata Ministro per la Famiglia (Il Post, 3 luglio).

Il marito Heiko e i sette figli

E di famiglia se ne intende visto che un matrimonio saldo e sette figli. «Mio marito Heiko e io, nei nostri 18 anni di matrimonio, abbiamo dovuto imparare con il tempo cosa significa adattarsi alle diverse situazioni professionali e assumerci insieme le responsabilità familiari», diceva in un’intervista a Famiglia Cristiana (3 luglio).

Maternità e lavoro

Tra le sue battaglie quella per far conciliare meglio maternità e lavoro. «È un ostacolo che lo Stato dovrebbe rimuovere», spiegava l’allora ministro, «aumentando l’offerta di assistenza all’infanzia e di scuole a tempo pieno e attuando una politica fiscale che riduca le tasse per le famiglie con prole. Cosa che ora non succede perché il prelievo fiscale è calcolato soprattutto sulla base del reddito, indipendentemente dal numero di figli. Questo risparmio potrebbe essere investito riducendo l’orario di lavoro per consentire più tempo a casa».

PREGNANT WOMAN
ArtFamily I Shutterstock

Sussidi per i genitori

In un profilo del 2014, il magazine Politico raccontava che la sua notorietà si deve soprattutto all’incarico di ministro della Famiglia:

Nonostante fosse stata considerata un peso piuma, von der Leyen mostrò di avere un efficace istinto politico. Nei primi tre mesi di mandato la nuova ministra dominò il ciclo delle notizie invocando asili gratis e sussidi per i genitori che scelgono di stare a casa coi figli, beneficiando di uno scontro pubblico su come finanziare queste misure con Peer Steinbrück, l’allora ministro delle Finanze espresso dai Socialisti. Nel giro di un paio di mesi von der Leyen passò dall’essere una sconosciuta al novero dei dieci politici più importanti del paese, secondo i sondaggi. Si rivelò come uno dei migliori talenti politici di quel governo Merkel.

Coppie gay e adozioni

Anche su adozioni e coppie di fatto, la Von der Leyen ha le idee chiare: «Attualmente», rispondeva sempre a Famiglia Cristiana, «in Germania esiste la possibilità, per coppie dello stesso sesso, di essere parzialmente riconosciute dallo Stato al fine di veder regolati i diritti e i doveri degli interessati. Non è prevista, invece, alcuna possibilità di adozione. I cristiano-democratici riconosceranno lo status quo, ma non intendono andare oltre tale legislazione».

Rommel Canlas/Shutterstock

Attraverso un comunicato stampa congiunto, l’Ufficio Stampa di Pro Vita & Famiglia e del Congresso Mondiale delle Famiglie hanno però evidenziato che Nel Bundestag tedesco la Von der Leyen ha votato, a fine giugno 2017, per il cosiddetto “Ehe für alle“, il “matrimonio per tutti”. «Da ministro della Difesa tedesca la Von der Leyen si è lamentata sia delle presunte discriminazioni nell’esercito teutonico nei confronti di gay e transessuali, sia del loro “esiguo numero tra le truppe”», si legge nella nota.

Vedremo ora, da Commissario, se ci saranno interventi su queste tematiche e come intenderà affrontarle. Sapendo bene che le istituzioni europee sono state spesso un terreno di incontro e scontro sui temi LGBT.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.