Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Valiamo più per quello che soffriamo che per quello che facciamo

young casual man smiling

By Asier Romero/Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 03/07/19

E all’improvviso mi costa trovare un senso alla sofferenza ingiusta, alla sofferenza inutile. O forse la sofferenza ha un senso in un progetto divino che non riesco a scoprire? Come se una specie di porta si aprisse in cielo per avvicinarmi al più profondo del cuore di Gesù? E dentro quel cuore inizio a sentire il suo amore come mai prima d’ora?

Si può allora comprendere che in una dinamica che non capisco diventi realtà il progetto di Dio che dà senso a tutto ciò che soffro? Si può toccare il cielo con le mani spezzate?

Non lo so, ma sicuramente non è possibile toccarlo con le mani troppo occupate, troppo piene di cose, di preoccupazioni, di desideri.

Vedo che le mie mani sono prese da mille progetti, nel tentativo di renderlo tutti possibili. E non ci riesco.

Vorrei essere luce di speranza in un mondo in cui credo predominino oscurità e tenebre.

Una luce che brilla in mezzo alla notte. Un po’ di speranza seminata in mezzo allo scoramento.

Come intendere la morte di un giovane che sognava solo di diventare santo? San Luigi Gonzaga, un seminarista gesuita morto molto giovane dopo aver servito con generosità tanti malati, ha scritto:

“Immergendo il mio pensiero nella considerazione della bontà divina, che è come un mare senza fondo né litorale, non mi sento degno della sua immensità, visto che Egli, in cambio di un lavoro tanto breve ed esiguo, mi invita al riposo eterno e mi chiama dal cielo alla suprema felicità, che ho cercato in modo tanto negligente, e mi promette il premio di qualche lacrima, che ho versato in modo tanto parco”.

Mi commuove la riflessione di quel giovane che sarebbe morto prima di realizzare il suo sogno sulla terra, un sogno di dedizione totale a Dio, di santità.

Come accettare la sofferenza che sembra non avere senso, la sofferenza lunga, dura? Come accettare la morte prematura?

Mi serve uno sguardo sul cielo come promessa.

Come rapportarmi allo sconcerto che provoca nell’anima la morte degli innocenti, all’abbandono di chi ha bisogno di una casa, alla solitudine di chi cerca compagnia, al dolore di chi vuole solo calmare il dolore, al rifiuto di quanti vogliono solo donare amore?

Come si possono comprendere tanti paradossi sulla mia strada?

Forse solo guardando il cuore di Gesù, nel più profondo delle sue viscere, lì dove la lancia apre una breccia e lascia sfuggire la luce e il vento, l’acqua e la speranza.

Solo lì dove smettono di esserci le tenebre per illuminare tenuemente la mia vita con una luce profonda che rende tutto chiaro.

Resisto a credere che la sofferenza sia vana. Credo, non so bene come, che il mio dolore renda profondo il solco nella terra che Dio ara.

Ed Egli si incarica di gettare semi lì dove il mio sangue riesce a rendere la fessura più profonda. E non so bene come in qualche luogo, in qualche cuore, quel seme che Dio stesso ha seminato attraverso quello che soffro darà frutto.

Avrà senso allora tutto quello che sto soffrendo? Varranno la pena tante ore investite dando la vita nel silenzio del mio dolore?

Forse solo in cielo vedrò il senso dei fiori che crescono in quel solco. Finché sarò qui sulla terra continuerò a confidare in un progetto divino pieno d’amore e speranza che resta nascosto.

Un progetto che non conosco. Un progetto che mi trascende. E continuo a credere che dietro il dolore ci sia una finestra aperta sul cielo che mi parla di una speranza a cui anelo dal profondo della mia anima.

Continuo a credere che se mi dono a Gesù, al suo cuore aperto, riuscirò a sentire, anche solo per un giorno, quello che ha sentito Lui.

E potrò donarmi con la stessa generosità con cui si offre Lui. E potrò amare sapendo che se soffro la mia vita vale più la pena.

E che tutto ciò che ho fatto è alla fin fine solo una goccia in un mare immenso, quel mare senza coste del suo amore per me.

  • 1
  • 2
Tags:
sofferenzavalore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni