Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

“Moglie mia, figlio mio, vi amo!”: le ultime parole del rugbista prima di morire

Navar Herbert e Maia Falwasser
Navar Herbert e Maia Falwasser
Condividi

Navar Herbert, giovane promessa del rugby neozelandese, è morto di cancro il giorno dopo aver sposato la sua Maia lanciando un messaggio d’amore alle due persone più care che aveva!

Il giovane campione del rugby neozelandese Navar Herbert ha sposato l’amore della sua vita, Maia Falwasser, e il giorno dopo è morto a soli 22 anni.

Il video del matrimonio

Il video del “sì!” pubblicato in rete ha già raggiunto più di  1.117.634 visualizzazioni. Le immagini di Navar circondato dall’amore e dalla dolcezza dei parenti e dei testimoni che lo aiutano a prepararsi per le nozze sono davvero coinvolgenti. I gesti lenti, accurati, i volti dei presenti commossi, e il giovane sposo con lo sguardo emozionato ma al contempo afflitto dal tumore e dalla stanchezza che aspetta in carrozzina la sua sposa. I suoi occhi non trattengono le lacrime mentre attende Maia per dichiararle nella totale debolezza e fragilità della malattia tutto il suo amore di fronte al loro bambino Kyrie e alla folla degli amici convenuti per festeggiare questo giorno così speciale. (tgcom24.mediaset.it)

Il matrimonio: un inizio e un addio

Quanta vita e quanta dignità nel suo corpo abbattuto che resiste! E quanta intensità nelle mani di Maia che amorevolmente accarezzano quelle di Herbert, le scaldano, le accudiscono. Un inizio ma al tempo stesso un addio: pieno di intimità, di calma, di dolcezza, di verità. Nel video di questo matrimonio manca quella frenesia che caratterizza molte nozze, non c’è la fretta dei festeggiamenti, la corsa al ballo, al divertimento. No! Regna la pace, la voglia di abbracciarsi ancora un attimo ma per sempre, regna il bene vero, quello che ha il sapore di Eterno.

 

E così in un giardino della Gold Coast australiana, i due giovani innamorati si sono promessi tutto, si sono donati l’uno all’altro senza riserve. E questo credo sia il regalo più bello che Navar poteva fare prima di morire al suo bambino. Perché un uomo e un padre prima di tutto deve amare la sua sposa, dare la vita per la propria famiglia. Infatti scrive Silvana De Mari:

Quando il padre guarda con amore la madre, il figlio ha una prova del suo valore, quando la madre guarda con amore il padre, il figlio ha una prova del suo valore.

Navar è morto la notte dopo il matrimonio, speriamo in pace e nonostante tutto felice per aver avuto il tempo di sposare Maia e di confidare a lei e a Kyrie tutto il suo amore.

Al tramonto della vita saremo giudicati sull’amore

Il giovane campione aveva scoperto il tumore undici mesi fa, poco dopo la nascita del figlio. Purtroppo la malattia ha avuto un decorso veloce impedendogli presto di camminare e allontanandolo dalla sua passione: il rugby. Il video mostra l’omaggio dei suoi compagni di squadra che per festeggiare la coppia si esibiscono con grinta in una tradizionale danza maori haka.

Maia ha lanciato una raccolta fondi per realizzare un sogno del marito, quello di essere seppellito nel luogo in cui è nato, a Kotahitanga Marae, in Nuova Zelanda. La raccolta fondi ha racimolato più di 50mila sterline. (ilfattoquotidiano.it)

“Oggi il mio cuore è pesante e triste – ha scritto Maia, la moglie di Navar, il giorno della sua morte – ho perso il mio migliore amico, mio marito e il padre di mio figlio. Mi sento assolutamente inondata dall’amore degli amici e dei parenti; questo è un momento difficile, tuttavia trovo la mia forza e il mio rifugio nel sostegno di tutti”. (tgcom24.mediaset.it)

“Ciao moglie mia, ciao piccolo mio, vi amo”. In questo ultimo pensiero di Navar c’è tutto: al tramonto della vita saremo giudicati sull’amore.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni