Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconChiesa
line break icon

Parolin: per il Papa sono stati anni agitati, ma affronta i problemi con pace interiore

POPE AUDIENCE JUNE 26; 2019

Antoine Mekary | ALETEIA | i.Media

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/07/19

Il Segretario di Stato ha parlato della diplomazia di Francesco e dei risultati raggiunti, tra molte difficoltà, in questi anni. Ecco i 4 fronti aperti più "caldi"

Quanta fatica sta facendo Papa Francesco in tema di diplomazia! A rivelarlo è stato il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, partecipando Festa di Avvenire promossa in Basilicata.

Gli ultimi anni accanto al Papa, evidenzia Parolin, «non sono stati anni tranquilli. Penso alle tensioni legate alla spinta riformatrice impressa dal Pontefice o alle critiche suscitate dall’accordo con la Cina. In questo contesto quello che mi ha sempre colpito è l’atteggiamento di serenità di papa Francesco. Il Papa può essere preoccupato per i problemi, ma poi li affronta sempre con una grande pace interiore».

PIETRO PAROLIN
Fabio PIGNATA I CPP I CIRIC
Le cardinal Pietro Parolin, secrétaire d’État du Saint-Siège.

Prosegue Parolin: «Mi impressiona la sua insistenza sulla gioia che oserei definire quasi una cifra del suo pontificato e che si può applicare ovviamente anche nell’ambito della diplomazia: nessuno può toglierci la gioia profonda di sentirci amati dal Signore, che conduce la storia al di sopra delle tante agitazioni degli uomini».

La Cina

Sicuramente l’ultimo risultato positivo, in ordine di tempo, è l’accordo siglato con la Cina per la nomine dei vescovi. «Ora tutti i vescovi cinesi sono in comunione col Papa – ha detto Parolin – Due di loro, per la prima volta, hanno partecipato al Sinodo sui giovani dell’ottobre scorso. Ora si incomincia a tradurre questo accordo nella realtà. Attraverso il meccanismo da esso previsto si stanno cercando candidati per le nomine nelle parecchie diocesi vacanti. Sapendo che ci sono ancora numerosi problemi aperti. Il primo è la registrazione civile del clero non ufficiale, in merito al quale sono stati già pubblicati degli orientamenti pastorali».




Leggi anche:
Cina e Vaticano verso la firma di uno storico accordo 

La Russia

Il Segretario di Stato ha poi affrontato la questione russa. Il 4 luglio il presidente Vladimir Putin sarà in Vaticano. Sarà la terza udienza del leader russo con papa Francesco. «Il presidente della Russia si considera uomo religioso, e penso quindi che egli riconosca nel Papa l’incarnazione di valori che ritiene importanti nella sua vita.

PAROLIN,PUTIN
Alexey Nikolsky | SPUTNIK | AFP

Poi c’è l’attenzione della Russia a temi quali la tutela dei cristiani nel Medio Oriente e la crisi dei valori cristiani nelle società occidentali. L’incontro sarà occasione per affrontare questioni che preoccupano la Santa Sede, come la situazione in Siria e il conflitto nella regione orientale dell’Ucraina».

Parolin poi smentisce un collegamento tra la visita di Putin e il summit della Chiesa greco cattolica ucraina di questa settimana. «È una semplice coincidenza temporale», liquida il Segretario di Stato.




Leggi anche:
Dichiarazione comune di Papa Francesco e del Patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Russia

La Terra Santa

Sul fronte sempre caldo della Terra Santa, ivescovi cattolici locali hanno recentemente dichiarato di ritenere ormai “vuota retorica” la formula “due popoli-due Stati” (palestinesi e israeliani ndr). Ha precisato Parolin: «Noi riteniamo a livello di principio ancora valida la formula dei due Stati con i confini definiti in maniera comune e internazionalmente riconosciuta in base alle risoluzioni delle Nazioni Unite. Ma è vero che tale formula incontra sempre più scetticismo nell’opinione pubblic. E quindi ci sono molti dubbi sulla sua viabilità».

CHURCH OF THE HOLY SEPULCHRE, JERUSALEM
ReeveJ/Wikipedia

«Noi riteniamo che l’unica strada sia quella del dialogo diretto tra israeliani e palestinesi – ha evidenziato il Segretario di Stato vaticano – Esso potrà essere riavviato solo a condizione di un minimo di fiducia reciproca che oggi invece manca».




Leggi anche:
I vescovi della Terra Santa invocano la pace per Gaza

Paesi Islamici

Parolin è più ottimista sull’evoluzione del dialogo con i Paesi islamici. della Penisola Arabica. Il viaggio di Papa Francesco ad Abu Dhabi ha visto la firma del Documento sulla Fratellanza con il grande imam di Al-Azhar.

PIELGRZYMKA PAPIEŻA FRANCISZKA DO ZJEDNOCZONYCH EMIRATÓW ARABSKICH
VINCENZO PINTO/AFP/East News

«Questo documento – ha osservato – è stata una tappa molto importante nel dialogo con l’islam. Un concetto rilevante che si trova nel testo è quello della cittadinanza: tutti gli abitanti di un Paese sono cittadini con gli stessi diritti e doveri prima di ogni distinzione religiosa. È interessante che questo Documento in alcuni Paesi islamici è già entrato nei curriculum di studio nelle scuole e nelle università. E’ un buon segnale. Per altri cambiamenti bisogna aspettare una necessaria, lenta maturazione».




Leggi anche:
Abu Dhabi, moschea intitolata a “Maria, madre di Gesù”

Il criterio dei viaggi del Papa

Infine il Segretario di Stato ha spiegato il criterio dei viaggi apostolici del Papa all’estero:

«Per capirlo basta scorrere l’elenco dei Paesi toccati dalle visite apostoliche di quest’anno. C’è il criterio del dialogo interreligioso testimoniato dai viaggi in Paesi islamici come Marocco ed Emirati. Poi quello ecumenico, con le visite in nazioni ortodosse come Bulgaria, Macedonia del Nord e Romania. Il prossimo viaggio in Africa sottolinea un terzo criterio: l’attenzione alle comunità cristiane più periferiche e sofferenti, da confortare e incoraggiare. In questa prospettiva si collocano le auspicate visite in Sud Sudan e in Iraq. Visite che manifestano un altro criterio – la preoccupazione per la pace – testimoniato anche dal viaggio allo studio in Giappone con una attenzione particolare per il disarmo atomico» (Avvenire, 1 luglio 2019).




Leggi anche:
Papa Francesco, ti aspetta l’Africa! A settembre andrà in Madagascar e Mauritius

Tags:
cardinale pietro parolindiplomazia pontificiapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni