Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

17 nuove chiese per i cristiani: altro segnale d’apertura negli Emirati Arabi

catholic church dubai
La chiesa cattolica di Dubai - Jebel Ali Village
Condividi

Si intensificano gli sforzi per il dialogo interreligioso: più vicino mondo islamico e cristiano

Sono 19 i luoghi di culto non musulmani destinati alle comunità residenti ad Abu Dhabi da oltre 33 anni, per i quali sono in corso le procedure di autorizzazione, secondo le norme dell’Emirato.

Lo ha rivelato – secondo quanto riferisce l’agenzia vaticana Fides (28 giugno) – Sultan Alzaheri, direttore esecutivo del Dipartimento di sviluppo comunitario ad Abu Dhabi, in una conferenza stampa organizzata nei giorni scorsi dal dipartimento stesso.

In linea con lo sceicco

Tra i 19 luoghi di culto in via di autorizzazione, 17 saranno chiese e cappelle a disposizione delle locali comunità cristiane, mentre un tempio sarà destinato alla comunità indù e un altro ai Sikh.

PAPIEŻ FRANCISZEK W ZJEDNOCZONYCH EMIRATACH ARABSKICH
AP/Associated Press/East News

In linea con quanto voluto dal defunto sceicco Zayed Bin Sultan Al Nahyan, noto per la sua sensibilità al tema della convivenza interreligiosa, sono stati organizzati vari incontri con il clero e i rappresentanti delle diverse comunità di fede per definire le misure e le procedure più adatte a garantire la concessione di licenze per la costruzione dei luoghi di culto dove praticare i propri riti religiosi e le proprie liturgie (Ansa, 27 giugno).

Leggi anche: Il Papa ha ricevuto lo sceicco degli Emirati Arabi Uniti

I protocolli

Il Dipartimento di Sviluppo Comunitario ora sta lavorando per definire i protocolli legali che regolano l’istituzione e l’organizzazione di tutti i luoghi di culto nell’Emirato di Abu Dhabi, secondo gli standard adottati dal Dipartimento, in linea con l’ordinamento giuridico nazionale ispirato alla Legge islamica (Agensir, 27 giugno).

La riapertura del monastero

Un altro passo in avanti distensivo nel rapporto tra cristiani e islamici dopo che lo scorso 13 giugno, la chiesa e il monastero sull’isola Sir Bani Yas, che insieme costituiscono il primo sito cristiano scoperto negli Emirati Arabi Uniti, hanno riaperto le porte ai visitatori in seguito all’attuazione di misure di restauro e miglioramento della zona da parte del Dipartimento di cultura e turismo – Abu Dhabi (travelquotidiano.it, 26 giugno).

Leggi anche: Lo sceicco e la chiesa del VII secolo negli Emirati

Il documento

Sempre ad Abu Dhabi, lo scorso 4 febbraio, papa Francesco e lo Sheikh Ahmad al Tayyeb, Grande Imam di al Azhar, hanno sottoscritto il “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune”, importante forma di collaborazione per incentivare il dialogo ecumenico.

PIELGRZYMKA PAPIEŻA FRANCISZKA DO ZJEDNOCZONYCH EMIRATÓW ARABSKICH
AP/Associated Press/East News

Leggi anche: Fraternità universale: La Civiltà Cattolica torna con calma sul Documento di Abu-Dhabi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.