Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

5 sacerdoti martiri perfetti intercessori quando preghiamo per il sacerdozio

Saints of the Cristero War
Condividi

Tre di loro avevano meno di 30 anni, e già erano pronti a morire per Cristo Re

Il 21 maggio 2000, Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato 25 santi e martiri morti nella Guerra Cristera del Messico. La maggior parte dei nuovi santi era costituita da sacerdoti cattolici. Sei di loro erano membri dei Cavalieri di Colombo.

Ecco un breve profilo di cinque di questi sacerdoti martiri, che come i loro compagni nella difesa della fede gridarono “Viva Cristo Re!” mentre venivano uccisi.

1 San Román Adame Rosales

Padre Román era nato il 27 febbraio 1859 nello Stato di Jalisco, in Messico, ed era stato ordinato sacerdote il 30 novembre 1890. Nel 1913 divenne parroco della città di Nochistián. Quando il Governo iniziò la sua guerra di persecuzione religiosa, padre Román entrò in clandestinità.

Il 18 aprile 1927 padre Román stava conducendo un servizio quaresimale. Uno dei presenti lo denunciò ai militari.

Padre Román, che aveva 68 anni, fu arrestato il giorno dopo. Venne legato a un palo e lasciato tutto il giorno sotto il sole. A sera venne gettato in una cella scura. Non gli vennero dati né cibo né acqua, e questo trattamento andò avanti per vari giorni.

Il colonnello Quinones chiese un riscatto per il rilascio del sacerdote, e gli vennero dati 6.000 pesos. Li prese ma ordinò comunque che padre Román venisse giustiziato. Uno dei soldati si rifiutò di sparare, gli altri no, e quindi il sacerdote morì colpito da una raffica di proiettili.

2 Sant’Agustín Caloca Cortes

Padre Agustín era nato il 5 maggio 1898 a Teul, in Messico. Studiò nel seminario di Guadalajara finché non venne chiuso dal Governo. Portò avanti gli studi per il sacerdozio in un seminario ausiliario segreto di Nostra Signora di Guadalajara, e fu ordinato sacerdote il 5 agosto 1923.

Padre Agustín venne arrestato per aver svolto i suoi doveri sacerdotali e per la sua partecipazione al movimento cristero. Gli spararono il 25 maggio 1927 a Colotitián, Jalisco. Aveva appena compiuto 29 anni.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni