Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da un dio dell’odio al Dio dell’amore, la scoperta di un soldato afgano

FARHAD
Condividi
“I cristiani sono infedeli e per questo devono morire”. Questo pensava Farhad. Figlio di un mujaheddin generale dell’Esercito afghano, educato nelle scuole coraniche imposte dai talebani, per lui era normale pensare questo. “Ci dicevano che era scritto nel Corano”. Il mullah insegnava che “se assistevi alle lapidazioni, Dio diminuiva i tuoi peccati”, e centinaia di bambini ogni settimana andavano allo stadio a vedere le esecuzioni: teste tagliate, mani mozzate, lapidazioni, frustate. “Non conoscevamo un altro mondo”.

Farhad arriva in Italia nel 2004. Dice: “Tutto il mio cambiamento è stato incontrare il diverso” e “piccoli gesti umani”. Comincia un percorso di riflessione sulla sua vita, legge per la prima volta il Corano nella sua lingua e scopre che “Dio è amore”. Farhad decide di lasciare la carriera militare e di testimoniare il cambiamento della sua vita. Per questo perde molti amici e una fatwa lo condanna a morte. Ma lui va avanti: “La sofferenza del passato è diventata la forza del mio presente. Non ho paura perché io ho scelto la libertà”.

 

 

 

 

 

Scopri altre storie come questa

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni