Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sulla croce prende senso tutto il dolore che non ha senso!

eyes young woman
By Desmond Kean/Shutterstock
Condividi

Ci sono le vittime innocenti di ogni violenza; c’è il grido di chiunque rimane solo e si chiede perché; c’è la fatica di ogni malato, di ogni disabile, di ogni piccolo della terra.

Là dove la linea dell’orizzonte e quella dell’arcobaleno si intersecano; là dove il Dio che si china sull’uomo come un padre sul suo bambino (“mi chinavo su di lui per dargli da mangiare”) spalanca le sue braccia sul mondo intero; là, sul Golgota, in quel punto si concentra tutto il dolore di ogni uomo, di ogni essere vivente, di ogni creatura; là, sul Golgota, è lo zenit e il nadir della storia umana; e là, sul Golgota, si concentra tutta la speranza e tutto l’amore che siano mai stati sperati e amati.
Ci sono le vittime innocenti di ogni violenza; c’è il grido di chiunque rimane solo e si chiede perché;
c’è la fatica di ogni malato, di ogni disabile, di ogni piccolo della terra.
E in quella croce, scandalo e stoltezza, si uniscono il dolore più grande, quello dell’abbandono di Dio – il dolore senza senso – e la felicità più grande. Perché lui l’ha detto: “c’è più gioia nel dare che nel ricevere” (vedi At 20, 34-35, Ndr). E lui sta donando tutto, senza tenere per sé nemmeno l’ultimo respiro; e sta rendendo felici tutti, perché quando capiremo realmente cosa si è compiuto sul Golgota non ci sarà uomo, donna, o bambino che non piangerà di gratitudine e di gioia.
Forse non c’è stato uomo più sofferente di lui, l’uomo dei dolori. E forse non c’è stata felicità più grande di quella che aveva nel dono di tutto sé stesso.

E lì, sulla croce, prende senso tutto il dolore che non ha senso: e Dio rende bello anche l’orrore, perché bello è colui che è amato. Non ci sarà più morte, perché lui è morto per noi. Dio firma la sua promessa con la croce.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.