Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il simbolismo spirituale dell’iperico e come venne usato dai santi

St. John's wort
Condividi

L'“erba miracolosa” è stata usata per molti secoli dai cristiani

Nel corso della storia, i cristiani hanno visto nella creazione il capolavoro di Dio, e spesso hanno dato alle piante nomi di santi o legati ad altri temi spirituali. Credevano che la natura parlasse della grandezza di Dio e che contenesse tutto ciò di cui abbiamo bisogno per mantenere il nostro corpo in buona salute.

In particolare, quando i primi cristiani osservarono una pianta con dei fiori gialli che fioriva intorno alla festa di San Giovanni Battista, il 24 giugno, hanno subito collegato le due cose.

Secondo il National Center for Biotechnology Information, “i primi cristiani credevano anche che la pianta avesse proprietà mistiche. Secondo una leggenda, l’effetto più grande veniva ottenuto quando la pianta veniva raccolta il giorno della festa di San Giovanni (24 giugno), che corrisponde spesso al momento di massima fioritura. Un’altra leggenda sostiene che la pianta rilasciava il suo olio rossastro simile a sangue il 29 agosto, giorno della decapitazione di San Giovanni”.

La scrittrice Ronda Nelson parla del simbolismo spirituale di questa erba, spiegando come “la suggestiva disposizione dei suoi cinque petali gialli assomiglia a un alone, e quando viene presa emana un liquido rosso cremisi che secondo alcuni simboleggiava il sangue del loro amato Giovanni. Molte autorità storiche hanno messo in discussione l’idea che la triste rosa di Sharon menzionata nella Bibbia sia davvero l’iperico, anche se i botanici hanno confermato che sono due piante diverse ma della stessa famiglia”.

Si pensava che quest’erba, in genere usata per le sue qualità medicinali, avesse anche il potere di allontanare i demoni e gli spiriti maligni. Questo era dovuto in parte all’associazione con San Giovanni Battista e la sua festa il giorno più lungo dell’anno, quello in cui la luce è più forte dell’oscurità.

È interesssante che San Colombano sia il santo più noto che usava regolarmente l’erba, che in certe zone porta infatti il suo nome. Secondo il dottor Christopher Hobbs, “il suo primo uso può risalire al VI secolo A.C., quando, in base alla tradizione gaelica, il missionario San Colombano portava sempre un pezzo di iperico per via della grande considerazione che nutriva per San Giovanni”.

Per molti secoli, l’erba è stata usata come rimedio contro la depressione o l’ansia, in primo luogo perché i cristiani medievali credevano che gli spiriti demoniaci fossero la fonte della malinconia di una persona.

Qualunque siano i benefici dell’erba, ha una lunga storia spirituale e contiene un grande simbolismo, che ricorda ai cristiani il loro creatore. I fedeli vi vedono infatti il progetto armonioso di Dio e un riflesso del suo amore per l’umanità.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.