Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

USA, studenti per la vita: le donne devono sapere che sono amate e sostenute (VIDEO)

STUDENT FOR LIFE
Students for Life of America - Facebook
Discorso stedentessa di medicina, Students for life, Usa
Condividi

Ecco la pro-life generation americana. Parla una giovane studentessa della St. Louis University in Missouri: non esiste un “aborto sicuro”, non solo perché un essere umano in fase di sviluppo viene ucciso, ma anche perché la madre è lasciata sola con le ripercussioni di un grande trauma.

Traduzione di Fabio Fuiano
Il mio nome è Abby e sono una studentessa di medicina al secondo anno nella Facoltà di Medicina dell’Università di San Louis. Sono qui oggi perché voglio dirvi che non esiste un “aborto sicuro”, non esiste niente del genereOgni procedura medica in cui un essere umano in fase di sviluppo muore, non può essere considerata “sicura”.Qualsiasi procedura medica in cui l’obiettivo è quello di uccidere un essere umano in fase di sviluppo, non dovrebbe neanche essere legale. Un “aborto sicuro” non esiste perché in base ai dati della CDC (Control Disease Center, il centro di controllo e prevenzione delle malattie in America ndr.), in America muoiono più bambini in un anno rispetto agli adulti che muoiono per le principali cause di morte: malattie cardiache o tumori.La gravidanza è una funzione naturale e fisiologica, non uno stato patologico. Qualcosa di evitabile come l’aborto sopprime più vite in un anno che qualsiasi reale malattia che la medicina è in grado di guarire.Non esiste un “aborto sicuro”, non solo perché un essere umano in fase di sviluppo muore, ma anche perché la madre viene lasciata sfortunatamente con le ripercussioni di quel trauma. Ho avuto modo di vedere donne in clinica che si vergognano di se stesse, sono distrutte e lasciate vuote proprio a causa dell’aborto a cui si sono sottoposte. Ho anche visto donne che si sono sottoposte a più di venti aborti e donne che pregano che i propri figli già nati non scoprano mai nulla di tutto questo. Ci sono anche donne che hanno paura di parlare degli effetti che tutto questo ha avuto su di loro.Ribadisco: non c’è un “aborto sicuro”, non esiste niente del genere! Qui nelle cliniche di Planned Parenthood sono state chiamate più di 80 ambulanze ed è stato confermato che 74 di esse sono state chiamate proprio per emergenze mediche. Fermiamo quindi l’aborto nello stato del Missouri, facciamo in modo che Planned Parenthood chiuda i battenti. C’è speranza oltre l’aborto, c’è vita oltre l’aborto. Le donne meritano di sapere che sono amate e supportate e che l’aborto non è la risposta che stanno cercando. Diffondiamo il più possibile l’amore, la speranza e la vita! Grazie!https://www.facebook.com/studentsforlife/videos/355965875104471/QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG UNIVERSITARI PER LA VITA 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.