Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nicaragua: la polizia di Ortega va a Messa… ma non per pregare

MANAGUA
MAYNOR VALENZUELA | AFP
Condividi

La strategia di intimidazione è sempre all’opera. Anche durante la celebrazione domenicale

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Da quando è iniziata la crisi in Nicaragua, un anno e due mesi fa, le vessazioni nei confronti della Chiesa cattolica, dei fedeli e della popolazione in generale da parte del Presidente Daniel Ortega e delle forze di polizia e paramilitari affini al regime sandinista sono state brutali.

Il trasferimento a Roma per ordine di Papa Francesco del vescovo ausiliare di Managua, Silvio José Báez, quando la sua vita era in pericolo ha dato un’idea di quello che stanno facendo il regime di Ortega e le sue forze armate per mettere a tacere la voce della Chiesa, che difende chi non ha voce in Nicaragua.

Vanno a Messa, ma a spiare

L’ultima di tutte le “strategie” della polizia di Ortega è stata infiltrare agenti camuffati da civili nella cattedrale di Managua non per spiare i sacerdoti, ma per controllare gli ex prigionieri politici, molti dei quali leader popolari che hanno assistito alla Messa domenica scorsa.

A denunciare questo controllo di quanti sono stati liberati dalle carceri di Ortega Saavedra è stato fra’ Silvio Romero, vicario della cattedrale, che rivolgendosi agli infiltrati ha detto: “Sappiamo molto bene che la polizia non è solo fuori, ma anche dentro. Non scattate foto, non girate video, vengono semplicemente all’Eucaristia, e questo non è un crimine”.

Al termine della Messa, al momento riservato agli avvisi, padre Romero ha anche messo in guardia sull’esistenza di un cordone di polizia intorno alla cattedrale di Managua. “Sta circondando il tempio e impedendo l’ingresso dei fedeli, che ne sono spaventati”, ha dichiarato.

Il sacerdote ha poi invitato i fedeli a continuare a pregare perché il Nicaragua “recuperi presto lo Stato di diritto”.

La lotta andrà avanti

Alla Messa officiata dal vicario della cattedrale erano presenti vari dei prigionieri politici liberati di recente da Ortega Saavedra, in un tentativo di affrontare le minacce internazionali contro il regime e la possibile esecuzione di embargo commerciali da parte dei Paesi europei e degli Stati Uniti.

Il vicario della cattedrale ha anche ricordato ai poliziotti camuffati da civili che il diritto costituzionale alla libertà di culto e alla libertà religiosa e di coscienza dei nicaraguensi è qualcosa che le forze del Presidente Ortega non possono violare.

All’Eucaristia erano presenti vari dei leader ex carcerati, tra cui i contadini Medardo Mairena, Pedro Mena e Lener Fonseca, lo studente Nahiroby Olivas e il paramedico Chester Navarrete.

All’uscita della cattedrale ci sono stati disordini, e la polizia ha lanciato dei proiettili di gomma e gas lacrimogeni e ha intimidito quanti manifestavano a favore della liberazione totale dei prigionieri che restano in carcere e il cui “crimine” è stato quello di protestare contro Ortega.

Uno degli ex prigionieri politici, Lener Fonseca, è stato molto chiaro dicendo: “Continueremo a chiedere la libertà dei prigionieri politici che sono ancora nelle carceri di Ortega, non smetteremo di chiederne la liberazione”.

nicaragua

Infondere paura

Il giorno precedente, il sabato, si era registrato un altro attacco di forze paramilitari comandate dal regime sandinista nella cattedrale della città di León, questa volta al termine della Messa offerta in memoria del chierichetto Sandor Dolmus, assassinato lo scorso anno dalla dittatura di Ortega Saavedra.

A Matagalpa, il vescovo Rolando José Álvarez ha segnalato che i due atti hanno l’obiettivo di intimidire la popolazione.

“Mi sembra che si tratti in primo luogo di infondere la paura nella popolazione, e ovviamente questo crea un ambiente di forte tensione, di inquietudine nella cittadinanza. Sono ostacoli decisamente troppo forti che impediscono di cercare un clima di pace e di giustizia, perché quando si cerca di trovarlo si verifica questo tipo di situazioni che rendono il panorama ancora più oscuro”, ha affermato il vescovo Álvarez.

Il presule, che ha subìto sulla propria carne il colpo del sandinismo, ha segnalato che “non bisogna cedere alle tentazioni dell’odio, della disperazione e della paura, perché questo potrebbe seppellirci. Bisogna mantenere viva la speranza, mantenere vivo l’amore, e con la libertà interiore di ogni nicaraguense vivere liberamente”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.