Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nel cuore di Dio è scritta ogni parola del libro del dolore umano

MAN,WOMAN,HOSPITAL
Shutterstock
Condividi

Un missionario italiano che è cappellano in un ospedale cileno racconta: «Questa è la domanda che più mi viene rivolta: non tanto ‘Perché a me?’ o ‘Dov’è Dio?’, ma ‘Torni domani?’»

di Simone Gulmini (cappellano dell’ospedale Sotero del Rio, a Santiago del Cile)

Ci sono inquietudini che non si possono far tacere. Anche queste sono vocazione? Me lo domando perché, ad un certo punto, la sofferenza è diventata per me una inquietudine. Dico “ad un certo punto” perché non sempre è stato così. Quando all’università studiavo Scienze naturali e credevo che l’uomo fosse frutto del caso, la sofferenza non destava in me nessun sentimento. Ma quando sono tornato alla Chiesa, a 23 anni, tutto è cambiato. La scoperta che c’è un Dio buono dietro la realtà mi ha aperto alla meraviglia e mi ha reso le cose e le persone familiari, segni che conducono a questa presenza buona. La fede cammina più o meno bene fino a quando non ci si imbatte con il dolore innocente. Come conciliare tanta sofferenza con un Dio buono?

Leggi anche: E tu cosa chiedi a Dio? “Aiutami” o “salvami” Signore?

Non è un caso che la frase che scelsi per il santino della mia ordinazione sacerdotale, tratta dal salmo 56, riguardasse proprio la sofferenza:

 I passi del mio vagare tu li hai contati, le mie lacrime nell’otre tuo raccogli; non sono forse scritte nel tuo libro?

PŁACZĄCE DZIECKO
Pexels | CC0

Come a dire: “A te Signore non sfugge nulla, tutto a te è presente”. Il salmista sa che la storia è piena di ingiustizie ma ha una certezza che gli dà una forza incrollabile nell’ora del dolore: egli sa che esiste un libro del dolore umano, che questo libro è il cuore stesso di Dio, che prima o poi verrà l’ora della verità e della giustizia. Fu così che decisi di immergermi nell’ambito che più mi metteva in crisi, quello della sofferenza. E prima dell’ordinazione diaconale chiesi ai miei superiori di trovarmi un posto tra gli ammalati. Ogni volta che mi reco in un ospedale, infatti, non posso fare a meno di capire qualcosa di più di questo mistero.

Leggi anche: Ogni lacrima è unica: la scoperta stupefacente che dal microscopio arriva all’anima

Il lavoro non manca. Potrei aspettare la gente nella cappella dell’ospedale, un vero e proprio porto di mare per pazienti, familiari e funzionari che entrano per chiedere e per ringraziare. Se poi incontrano un sacerdote, è l’occasione per conversare o ricevere i sacramenti.
Ma non tutti gli ammalati possono raggiungere la cappella. Così decido di entrare nelle camere, che contano fino a dodici letti. Entro molto discretamente, scrivendo i nomi di ogni persona perché pregare per loro è una delle opere di misericordia. Mentre scrivo, tutti notano che sono un sacerdote: alcuni mi ignorano o fingono di dormire mentre altri mi salutano. È l’inizio di un dialogo. Sono sorpresi di vedere un prete. Altre volte sono io a rischiare un dialogo con loro, magari partendo da un particolare: un sorriso, la giovane età del malato, un tatuaggio o un santino sul comodino. Tutto diventa occasione per iniziare una conversazione.
Ogni giorno la mia agenda si riempie di decine di persone da ricordare nella preghiera. A queste si sommano quelle che visiterò ancora, quelle con cui nasce un’amicizia, quelle che mi chiedono se domani torno. Perché questa è la domanda che più mi viene rivolta. Non tanto “Perché a me?” o “Dov’è Dio?”, ma “Torni domani?”, come se l’importante non fosse una risposta, una formula ma una presenza, un compagno di cammino disposto a fare un tratto di strada con te, come Simone, il cireneo del Vangelo che per un po’ porta la croce di Gesù. È per questo che ai volontari dico sempre che quello che facciamo in ospedale è un servizio di presenza, non una presenza di servizio.

Leggi anche: Quell’abbraccio tra padre Aldo Trento e la lebbrosa come faceva Gesù con gli ammalati

Non si tratta di fare delle cose, si tratta di stare. Allora la nostra vita diventa grande perché si arricchisce di persone e la preghiera si riempie di nomi e di volti. La solitudine è vinta. La nostra presenza è il segno che al cuore di Dio, così come al nostro, nulla è estraneo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.