Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I laicisti in Parlamento tornano all’attacco: abolire l’ora di religione a scuola!

© Shutterstock
Condividi

A 90 anni dal primo Concordato tra Stato italiano e Santa Sede, un gruppo eterogeneo di parlamentari vuole toglier l'IRC e depotenziare l'8x1000

Depositata oggi al Senato una mozione volta a rivedere quelli che – per gli estensori – sono veri e propri privilegi intollerabili, della Chiesa cattolica italiana. La mozione è il primo sviluppo parlamentare di un appello formulato a fine gennaio da Carlo Troilo, dirigente della Associazione Luca Coscioni, proprio in vista del 90° anniversario del Concordato (che si è svolto lo scorso 7 giugno). L’appello è stato accolto immediatamente associazioni laiche UAAR, Libero Pensiero Giordano Bruno e Democrazia Liberale e firmato da centinaia di intellettuali (fra cui due ex giudici della Corte Costituzionale).

Chi sono i firmatari?

Firmatari di queste le sollecitazioni rivolte al Governo Conte sono firmate da Riccardo Nencini (ex segretario del PSI) e da Emma Bonino, entrambi membri di +Europa; Maurizio Buccarella Ele,na Fattori, Matteo Mantero del Movimento 5 Stelle; Roberto Rampi e Tommaso Cerno del PD; Loredana De Petris, LEU; Carlo Martelli, Gruppo Misto.

Cosa chiedono?

Nella mozione si elencano quattro punti destinati a far discutere il Parlamento perché al centro delle polemiche da diversi anni.

1)  Abolire l’ora di religione e sostituirla con un’ora obbligatoria di educazione civica

2)  Chiedere formalmente alla Conferenza episcopale italiana di avviare la procedura   per modificare i criteri con cui viene attualmente ripartito l’8×1000 (grazie a   questo meccanismo la quota non destinata viene risuddivisa percentualmente   a seconda delle destinazioni indicate dai contribuenti con il risultato che metà   dell’ammontare arriva sempre alla Chiesa cattolica)

3)  Rivedere le norme sull’Imu sui beni immobili della Chiesa cattolica

4)  Intraprendere un’azione determinata a dare attuazione alla recente sentenza   della Corte europea recuperando l’Ici non pagata dalla Chiesa negli anni passati.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.