Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gabe Grunewald è morta a 32 anni ma resta una campionessa nella lotta contro il cancro

GABE, GRUNEWALD, RUNNER
Condividi

"Metti un piede davanti all'altro" era il suo motto per i giovani colpiti come lei da tumori rari e aggressivi. La mezzofondista americana è morta l‘11 giugno, ma la sua storia detta ancora il passo nella corsa della speranza di molti.

Il mezzofondo è velocità e resistenza, è un’alchimia particolare di grinta e caparbietà: una giusta dose di rapidità, una giusta tenacia nel saper prolungare lo sforzo. Non è la corsa dei 100 metri che strappa gli applausi sotto mille riflettori, non è la maratona che commuove lo spettatore empatico con la forza sfinita dell’atleta. Il mezzofondo ha qualcosa a che fare proprio con l’essere in mezzo alle cose, allo sforzo di starci dentro tanto con energia quanto con pazienza. Il traguardo è lontano, ma non troppo lontano.

Qualcuno potrà dire di Gabe Grunewald che la sua è stata una vita a metà, o che il traguardo è arrivato troppo presto; direi che lei stessa ha proposto un’alternativa migliore:

Voglio vivere la mia vita, non importa quanto di essa rimanga. (da Runners World)

Il suo talento nella corsa le ha dato gli strumenti giusti per non soccombere all’impietosa diagnosi che l’ha raggiunta quando era un’universitaria poco più che ventenne. È rimasta nel mezzo della sua vita, permettendosi gli scatti quando è stato possibile e pazientando quando non si poteva fare altro.

4 ricadute, ma quanti traguardi

Era il 2009, frequentava l’Università del Minnesota ed era un’atleta in crescita quando venne colpita da un carcinoma adenoideo-cistico. Più tardi gliene diagnosticarono un altro alla tiroide. Interruppe gli allenamenti per curarsi, le furono asportate la ghiandola salivare e poi la tiroide. Mise a fuoco, da capo, la propria tabella di marcia umana:

In quel momento oscuro ho cercato di concentrarmi sulle benedizioni che avevo nella vita, correre era una delle più grandi.

View this post on Instagram

Gonna need you guys to send me some extra #Brave vibes tonight as I am so, so very bummed that I won’t be able to make it to the @bravelikegabe 5k tomorrow — because I am in the hospital with an infection and need a procedure done bright & early tomorrow. Literally the worst timing ever but I’m working with an all-star crew of friends, family, and the ACCRF to make sure it’s a great race in St. Paul. . It’s not lost on me that maybe this is one of the most poignant ways to show just how critical research is. Cancer is nothing if not incredibly inconvenient and we need more options. I wish I didn’t have to show it in this way because there’s so many people I’d love to meet and catch up with tomorrow (including my grandma who I don’t see very often ❤️). . But I’m gonna be brave and fight these fevers and hopefully the procedure will help me out big time. 🙏 Prayers very much welcome. . Have a heck of a time out there and celebrate what you’ve helped support and accomplish through the research grant! So overwhelmed by the love and I can’t wait to hear the recap. ❤️ #bravelikegabe5k #bebrave #rarecancerresearch

A post shared by Brave Like Gabe Foundation (@bravelikegabe) on

Da quel momento la sua specialità diventa – metaforicamente – il mezzofondo a ostacoli: tante insidie date dalla malattia, altrettante sfide positive nella vita. Un primo riconoscimento arriva nel 2010: Gabriele “Gabe” arrivò seconda nei 1500 metri ai campionato universitari. Nel 2012 partecipa ai Trials per le Olimpiadi, l’anno successivo corre i 1500 ottenendo il record personale di 4′01″48 (questo risultato la piazza al dodicesimo posto nella classifica americana). Poi nel 2014 vince il titolo nazionale sui 3000 indoor.

Nel 2016 una nuova prova, ancora più grave delle precedenti: le viene trovato un tumore al fegato e ha una recidiva del carcinoma tiroideo. Subisce un intervento che le asporta un tumore di 12 cm dal fegato. La sua ultima gara la disputa a Sacramento nel 2017 con un clima impietoso per il caldo, il giorno prima della competizione era stata ricoverata al Pronto Soccorso: arriva ultima al traguardo, le compagne di gara l’attendono e recitano abbracciate una preghiera.

Una sconfitta eccellente

E’ un’immagine potentissima, arrivare ultimi. Se fosse una storia scritta su un copione per la TV, il regista avrebbe concesso alla protagonista il premio di una vittoria prima della morte. Ma le logiche umane hanno ancora molto da apprendere sul valore potente della sconfitta, nella sua nuda e povera fragilità. Vivere un limite che non può essere tolto, dimenticato, sottratto con una bacchetta magica è una prova che allena alla speranza: in nessun caso Gabe poteva pensare per sé un corpo interamente guarito dalla malattia, ma continuare a correre con cicatrici fisiche ed emotive profonde le ha portato in dote l’ipotesi che riassume così: “Metti un piede davanti all’altro”.

E’ diventato il motto della sua fondazione BraveLikeGabe che si occupa di finanziare la ricerca su tumori rari e aggressivi e di sostenere le persone che combattono la stessa battaglia di Gabe. Mettere un piede davanti all’altro è il passo umile della speranza vera, di chi sa non poter essere onnipotente e invincibile ma può affermare anche con un semplice passo che la vita c’è, finché c’è.

View this post on Instagram

Over the last few years, Gabriele knew she would not be on this Earth forever. Her main goal was to give future generations of people diagnosed with cancer more treatments and better treatments while remaining hopeful and brave. — Justin #repost @chipgaines ・・・ More than 10 years ago, my friend @gigrunewald was diagnosed with an extremely rare form of cancer. I understand that Gabe is not a patient at @StJude, but right now, she is fighting for her life. Cancer is ugly and it is mean and it doesn’t fight fair. This has gotten extremely personal.. so here’s what I’m going to do about it: I want us to hit that $500K mark by midnight tonight. So I will be personally matching all #ChipInChallenge donations made between now and midnight. ON TOP OF THAT, I'll also be matching that amount in the form of a donation to the #BraveLikeGabe Foundation, in Gabe's honor. That is 3x the power of your generosity in the fight against cancer.. and all YOU need to do is donate whatever you can to the #ChipInChallenge (link in bio) between now and midnight CT. I’ll take care of the rest. Together, we’re going to fight for those who are fighting for just one more day. This is for those precious kids at St. Jude.. we are pulling for you! And to my beautiful friend Gabe.. we love you and we are here for you every step of the way.

A post shared by Brave Like Gabe Foundation (@bravelikegabe) on

Due giorni fa Gabe è morta, aveva a fianco suo marito Justin che l’ha sempre ammirata per la tenacia e sostenuta (lei lo aveva pure dissuaso dallo sposarla, dicendogli “con me finisce male”; eppure lui s’è dimostrato pronto alla corsa insieme). Le scrisse una lettera da vero amante coraggioso:

So che la vita è spaventosa e so che abbiamo vinto la lotteria dell’incertezza e non è giusto, ma scelgo comunque la nostra vita di incertezza e a volte di paura, rispetto a qualsiasi altra opzione che potrei pensare. Ho imparato di più dall’averti come migliore amica e come moglie di quanto avessi imparato nel resto della mia vita insieme. So che ti è stato dato il compito più pesante della vita, il compito di essere coraggiosa, nonostante la sensazione di enormi quantità di paura. Il compito di sorridere quando la gola si riempie di dolore e gli occhi vogliono riempirsi di lacrime, ma io non penso di essere stato scelto per caso, e ancora una volta so che non è giusto, ma sei così incredibile nel sentirti ed è per questo che sento che Bravelikegabe è così speciale. Perché non c’è una parola nel dizionario per descrivere quello che fai o per quello che sei. Sei una corazzata coraggiosa rispetto a me me e a così tante persone là fuori che affrontano le più semplici e più stupide lotte nella vita quotidiana. (da La Stampa)

Incrociando la notizia della scomparsa di Gabe è facile imbattersi in titoli che per i giornalisti partono quasi in automatico: “ha perso la sua battaglia”. Ecco, è come prendere il tempo di un atleta ad un certo punto del percorso, è una fotografia vera ma parziale. Gabe ha tagliato un traguardo, ma la sua battaglia non è stata persa, è stato il gradino che l’ha portata a protendersi a una meta in cui la vita vince sempre.  Chi più di lei può testimoniare con voce autorevole che il nostro passaggio sulla terra sia ciò che San Paolo scrisse ai Filippesi: “Non ho certo raggiunto la mèta, non sono arrivato alla perfezione; ma mi sforzo di correre per conquistarla, perché anch’io sono stato conquistato da Cristo Gesù”.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.