Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La cultura della morte va sconfitta subito. Non c’è più tempo!

By Charly Morlock/Shutterstock
Condividi

Il nostro dovere è proteggere chi vorrebbe morire perché soffre. Impedire la morte di chiunque come accadde a me quella sera di ventuno anni fa, quando mi ritrovai di fronte a mia madre in coma.

NO
io non aiuto la gente a suicidarsi, né lascio morire un vecchio, un malato, un disabile.
Questa battaglia ci porterà la guerra nelle strade.
Diritti
Diritti
Diritti
Basta! I nostri doveri, piuttosto!
Il nostro dovere è proteggere chi soffre, chi è solo, chi è disabile, chi vorrebbe morire perché soffre. Sì, impedirei la libertà a chiunque volesse impiccarsi. A chiunque si volesse “togliere di mezzo”. Impedirei la morte di chiunque come quella sera di ventuno anni fa, quando mi ritrovai di fronte a mia madre in coma. No, bella mia. Io voglio mia madre viva.
E lo rifarei. Chiamerei i soccorsi. Urlerei aiuto per ore. E la salverei di nuovo. Non rispetterei la sua stramaledetta libertà di togliersi di mezzo perché l’uomo che “amava” l’abbandonò.
BASTA! Con questa solfa dei maledetti diritti. Prendetevi un dovere. Lei non aveva il diritto di morire, aveva l’obbligo di vivere per me. Forse che i figli siano poco, rispetto a un “amore”? Ma via!
Nessuno può avere quel diritto, perché chiunque deve rispettare chi gli vuole bene. Basta con la baggianata dell’autodeterminazione. Basta!

Leggi anche: Come Noa ho sofferto e pensato al suicidio. Ma Dio mi ha fatto capire quanto mi ama!

Chi avvalorerà questo diritto, scatenerà la guerra civile. E allora addio chiacchiere sui diritti colorati e cuoriciosi. Qui ci si lascia tutti le penne, perché i diritti di tutti si scontrano a vicenda. Un Far West che ci porterà al patibolo.
Tutti abbiamo diritto di vivere: malati, disabili, malformati. Tutti abbiamo diritto all’amore vero, quello che – nonostante il disprezzo profondo per aver rovinato la mia infanzia e adolescenza – mi mosse per soffiare nei polmoni di mia madre.
La cultura della morte va sconfitta subito. Non c’è più tempo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA RACHELE SAGRAMOSO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.