Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Cantami un canto che rompa il buio»: Roberta Conte semina parole di speranza

ROBERTA, CONTE, FLOWERS
Roberta Conte | Facebook - Shutterstock
Condividi

Se Baudelaire scrisse i Fiori del male, questa giovane ragusana raccoglie nella sua poesia fiori di bene, trovati a un passo da sé nello sguardo di un amico e nelle ferite della sua terra.

di Luca Farruggio

Anthoi è il titolo della nuova raccolta di versi della giovane ragusana Roberta Conte. Il libro è stato pubblicato da Schegge Riunite e si apre con una sapiente e dotta prefazione di Gianni Battista Cauchi. Il titolo, che significa “raccolta di fiori”, per gli appassionati di poesia non può che ricordare il grande Charles Baudelaire. Ma quelli di Roberta Conte non sono fiori del male, bensì fiori del Bene.

Non a caso, leggendo le poesie dell’autrice, mi sono ricordato che nel Salmo 72, parlando del Re Messia, l’autore dice: “da prima del sole Germoglio è il suo Nome”. Per questo, dietro ogni verso di Roberta Conte, si intravede la voglia di raccontare la propria terra, di sopportarne le contraddizioni e di far emergere tutto il bello che spesso gli occhi stanchi non riescono più a vedere. L’autrice ci invita a guardare sempre oltre le effimere apparenze perché, come ha detto sapientemente Eraclito, “la natura ama nascondersi”.

Leggi anche: “Come una spugna, mi sono imbevuto di speranza nella trincea di dolore e amore del Bambino Gesù”

Sono tutte poesie delicate, profonde, oniriche e intense che navigano tra le vie di Sicilia, dei suoi sogni, dei suoi profumi, dei suoi abitanti e delle sue sere. Roberta Conte si sforza di cercare una luce duratura che vinca per sempre il buio:

Cantami un canto che rompa il buio

e scuota il silenzio di questa sera.

WOMAN,MOUNTAIN
Shutterstock

Sono versi-fiori di primavera, che non a caso è la stagione in cui, secondo Dante, Dio creò il mondo. Roberta Conte, allo stesso modo, crea stati d’animo, li dipinge in maniera astratta e concreta, osserva i sentimenti umani e sparge bellezza con parole semplici e sublimi. Leggendo il libro, essendo anche io un poeta, mi sono ritrovato molto nella poesia Amico:

Amico hai un quaderno in cui scrivi

parole gustose di speranze, sogni,

parole amare di sconfitte, perdite.

[…]

Conosco del tuo cuore tutto quello

che non vedi nel tuo volto.

Nel riflesso di uno specchio

hai letto anche di me.

Leggi anche: Marica legge poesie ai malati terminali: è una carezza per chi è alla fine della vita!

Proprio così, perché c’è qualcosa che unisce tutti i poeti: la Grazia. Milan Kundera, infatti, ha scritto: “poeta non è chi scrive versi ma chi – ricordiamoci di questa parola – è eletto a scriverli, e solo un poeta può riconoscere con certezza in un altro poeta questo contatto della grazia”. Ma questo mazzo di fiori è donato a tutti, non solo ai poeti, supera ogni solipsismo e merita di essere letto e accolto sempre in una feconda relazione umana, perché “D’un sogno io e te siamo i soli custodi” e “la sola vera forza / è quella che si coltiva / in due”.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

ANTHOI, ROBERTA, CONTE
Schegge Riunite

QUI IL LINK ORIGINALE PUBBLICATO DA INSIEME RAGUSA

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.