Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Proibire l’aborto “danneggia gli affari”

Condividi

Le imprese statunitensi diffondono un comunicato mostrando che il profitto è più importante della vita del bambino non nato

Le recenti misure restrittive sull’aborto adottate da vari Stati dell’Unione Americana – tra cui Missouri, Georgia, Mississippi, Kentucky, Alabama e Ohio – hanno motivato una forte offensiva da parte dell’industria cinematografica (contro la Georgia) e di 180 uomini d’affari che hanno firmato una lettera e pagato il 10 giugno un annuncio a tutta pagina sul quotidiano The New York Times.

I proprietari o i direttori generale di queste imprese – che includono Square Inc., Yelp, H&M, Slack, Postmates, Bloomberg LP e Warby Parker – sono apparsi davanti all’opinione pubblica per “difendere la cura della salute riproduttiva” sotto il titolo “Non proibire l’uguaglianza”. Nel testo si afferma che i divieti d’aborto sono “dannosi per gli affari”.

Nella parte iniziale dell’annuncio si segnala che “l’uguaglianza sul luogo di lavoro è una delle questioni commerciali più importanti del nostro tempo (…). Quando tutti sono in grado di avere successo, le nostre imprese, le nostre comunità e la nostra economia sono migliori”.

Gli imprenditori sottolineano poi che “la restrizione dell’accesso all’assistenza riproduttiva integrale, incluso l’aborto, minaccia la salute, l’indipendenza e la stabilità economica dei nostri impiegati e dei nostri clienti. In poche parole, va contro i nostri valori ed è dannoso per gli affari”.

“Noi firmatari diamo impiego a più di 108.000 lavoratori e ci opponiamo alle politiche che ostacolano la salute, l’indipendenza e la capacità delle persone di avere totale successo sul posto di lavoro”, insistono nell’annuncio del quotidiano newyorkese.

Il testo afferma anche che i divieti di aborto mettono a rischio l’economia, le famiglie, le comunità e le imprese, e che i firmatari fanno parte della “Coalizione per Non Proibire l’Uguaglianza”.

L’annuncio è stato lodato dalle organizzazioni in cui si riuniscono i difensori della legalizzazione dell’aborto negli Stati Uniti.

“Siamo grati e ispirati per il fatto di avere tanti leader imprenditoriali che si uniscono a noi con orgoglio e pubblicamente per opporsi a questi attacchi pericolosi e senza precedenti, che suscitano allarme per l’effetto sugli impiegati e sulle comunità in cui fanno affari”, ha affermato la presidentessa di Planned Parenthood, Leana Wen.

Anthony D. Romero, direttore esecutivo della American Civic Liberties Union (ACLU), ha detto che l’organizzaizone è “orgogliosa di stare al fianco di questi leader imprenditoriali che dicono con voce alta e chiara che l’accesso all’assistenza della salute riproduttiva, incluso l’aborto, è essenziale per l’uguaglianza dei loro impiegati sul posto di lavoro e nella loro vita”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.