Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Storie

“Lourdes”, il film: che cosa ne è stato della famiglia del piccolo Jean-Baptiste?

Film documentaire Lourdes, 2019

© Mars film

Bérengère Dommaigné - pubblicato il 10/06/19

Il giovane Jean-Baptiste è uno dei protagonisti del docufilm “Lourdes”, che sta conoscendo un notevole successo nelle sale francesi. Con la sua storia famigliare e per la sua personalità birichina, Jean-Baptiste ha turbato numerosi spettatori che vorrebbero tanto avere sue notizie. Cosa ora possibile grazie a un nuovo film e a una pagina Facebook.

Allarme spoiler! Se non avete ancora visto il docu-film [del resto è attualmente distribuito nelle sale francesi, non in quelle italiane, N.d.T.], aspettate di lasciavi toccare dall’adorabile Jean-Baptiste, uno dei protagonisti del film, prima di leggere il prosieguo dell’articolo per sapere che cosa ne sia stato di lui. Perché sì, Jean-Baptiste sta bene, ma sopratutto quest’anno è potuto tornare in famiglia a Lourdes – cosa che assolutamente non era preventivata fino ad appena due anni fa, quando Thierry Demaizière e Alban Teurlai l’hanno incontrato.

Una famiglia provata

Originaria di Lille, la famiglia di Jean-Baptiste non è risparmiata dalla malattia. Jean-Baptiste è affetto da una malattia genetica orfana, come il fratellino Augustin, che sta a casa in cure palliative e a cui i medici davano due anni di aspettativa di vita. Del resto è per pregare per la guarigione di Augustin che Patrick, il padre militare, e Jean-Baptiste partono per Lourdes, mentre la madre Lætitia e Augustin restano a casa pur seguendo il viaggio grazie ai video e ai colpi di telefono. Queste conversazioni, filmate dalla telecamera discreta e rispettosa dei due registi, fanno parte dei momenti forti del film, come pure il passaggio di Jean-Baptiste nella grotta, quando il bimbo passa sulla roccia un pupazzetto del fratellino. Si piange e si prega per questa famiglia provata, e per questo padre dal dolore degno e fermo che non osa chiedere la guarigione del figlio, ma anche soltanto il sollievo dei suoi dolori.


BASILICA LOURDES

Leggi anche:
Lourdes, il Papa invia un delegato per la cura dei pellegrini

Uscendo dalla sala, numerosissimi sono stati e sono gli spettatori che si chiedono cosa ne sia stato dei due fratellini. Al punto che Thierry Demaizière ha contattato Lætitia suggerendole di aprire una pagina Facebook per dare notizie della sua famiglia, tanto vasta era la domanda da parte del pubblico fin dall’uscita del film l’8 maggio scorso.

Il segreto della gioia

Ed ecco che durante il pellegrinaggio internazionale militare, cominciato il 16 maggio scorso, diversi pellegrini, fra cui i primi spettatori del film, si sono ritrovati faccia a faccia con la famiglia di Jean-Baptiste al gran completo! Patrick e Jean-Baptiste accompagnati stavolta da Lætitia e Augustin, ormai quattrenne, che ha dunque infranto tutti i pronostici. Laurent Jarneau, capo-reporter al Santuario di Lourdes, ha spiegato ad Aleteia:

Sono venuto a sapere per un caso fortunato che venivano a Lourdes, e sono passato per la Mars Films [la società di produzione del docufilm, N.d.R.] per contattarli e chiedere loro se accettassero di essere nuovamente ripresi.

Il giornalista, che conosce perfettamente i luoghi, ha potuto approfittare dei quattro giorni del pellegrinaggio militare per filmare a sua volta la famiglia e mettere rapidamente online un nuovo reportage di 52 minuti in modo da permettere al gran pubblico di ritrovare quei personaggi a cui s’era tanto legato.

La nuovissima serie messa online dal Santuario – “Que sont-ils devenus ?” [Cosa ne è stato di loro,N.d.T.] – è frutto di una rinnovata volontà di comunicare meglio sui frutti di Lourdes. E che combinazione felice che il primo tema della serie sia proprio questa famiglia che tanto ha toccato gli spettatori! Perché la magia torna a operare di nuovo. Riprende Laurent Jarneau:

Patrick, Lætitia e i loro bambini si erano iscritti al pellegrinaggio senza fanfara e a tutto pensavano tranne che all’entusiasmo che il docufilm avrebbe potuto raccogliere attorno a loro! Se questa famiglia tocca tanto la gente, è perché la loro storia dà respiro, senso… e senza dubbio dispensa anche il segreto della gioia.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bambiniguarigionilourdesmiracoli
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni