Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconFor Her
line break icon

Jovanotti: nell'era dei talent show vi dico che conta la vocazione (VIDEO)

JOVANOTTI, LORENZO, CHERUBINI

D-VISIONS | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 10/06/19

Dante rimane un passo avanti, perché ha saputo dare un nome e un volto chiaro a Chi ci chiama. Senza un soggetto chiamante, la vocazione può degenerare in un caotico e confusionario «sentire le voci».


MINEMIUIAF

Leggi anche:
I Mienmiuaif e la torta perfetta: intervista ad una coppia di sposi, non di cuochi!

Qualcuno, non qualcosa

È ammirevole trovare persone che hanno intuizioni potenti, è amaro vederle altrettanto disorientate come luci alla deriva in un mare buio. Jovanotti è uno di quelli che mi richiama alla mente le parole di San Paolo all’Areopago: riferendosi alle menti che cercano il vero con autenticità, ma senza aver ancora incontrato il Dio Incarnato, dice che si muovono a tentoni. Tentano e tastano. Anche se Dio non è lontano da loro, la mancanza si sente. E così, il signor Cherubini, che è capace di intuizioni che deviano dalle logiche obliterate del pensiero dominante, mi lascia perplessa per altre scelte che ricadono nell’idolatria dell’umano: l’idea di celebrare dei matrimoni durante i suoi concerti può essere nata dall’impulso positivo di affermare l’amore, ma mi pare che prendersi l’autorità di sancire un vincolo davanti a migliaia di persone tradisca qualcosa di abbastanza egocentrico e riduca lo sposalizio a una pura formalità allegra. Anche il matrimonio è una vocazione, invece.

View this post on Instagram

A post shared by lorenzojova (@lorenzojova)

L’io che inzialmente stava in disparte ad ascoltare, finisce per mettersi al centro come cantante-celebrante. C’è una frattura, una crepa. Ed è qualcosa di oggettivo, il gap in un flusso di pensiero che può intuire cose fantastiche ma che, privo di quella vera relazione che la vocazione esige, sbanda; si muove a tentoni, appunto.

Ascoltate bene l’audio del video qui sotto, c’è una piccolissima pausa nella voce di Jovanotti. Decisiva a dire il vero. Perché se c’è una vocazione vuol dire che qualcuno chiama me; l’io non è l’unico attore sulla scena. Ma chi è che chiama? Bella domanda. Ecco, c’è un tremito nella voce del caro Cherubini quando dice «sentirsi chiamati da…..» e rimane in sospeso, poi aggiunge, tamponando alla svelta, «qualcosa». Davvero una cosa può chiamare? È una domanda che porrei volentieri a Lorenzo: solo un essere animato e dotato di voce può chiamare. Il telefono trilla, ma non parla; segnala che qualcuno vuole parlarmi.


NICCOLO FABI

Leggi anche:
Niccolò Fabi: custodire il proprio dolore, curando le ferite degli altri

Ed è infatti vero che dietro le cose, c’è qualcuno che chiama. A quel lettore vorace che è Jovanotti vorrei proporre quest’intuizione dell’adolescente Chesterton: al termine della sua grave crisi esistenziale si arrese all’ipotesi più ragionevole e buona, un Tu – Dio fatto uomo – lo chiamava dietro i multiformi aspetti del reale.

Tutte le cose buone sono una cosa sola. Tramonti, correnti filosofiche, bambini, costellazioni, cattedrali, l’opera, montagne, cavalli, poesie – tutti questi sono solo travestimenti. Qualcosa cammina sempre tra di noi con abiti mascherati, indossa il mantello grigio di una chiesa o il mantello verde di un prato. Lui è sempre lì dietro, la Sua forma riempie le pieghe in modo così superbo. (appunti del 14 luglio 1899, da G. K. Chesterton di Maisie Ward)

Guarda, caro Lorenzo, anche Chesterton dice “qualcosa”… e poi lo chiama “Lui”. Questo è il più grande spettacolo dopo il Big Bang.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=TyiNKmQWci8&w=560&h=315%5D

  • 1
  • 2
Tags:
musica raptalentovocazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni